Workaholism: sei un maniaco del lavoro?

Dicembre 2, 2022

7 min read

Ti definisci un maniaco del lavoro? Sei dipendente dal lavoro? Non riesci a trovare il tempo per rilassarti? Comprendere la natura del maniaco del lavoro e il segreto per un buon equilibrio tra lavoro e vita privata.

Se lavorare per 18-20 ore al giorno è la tua vita, allora non è l’obiettivo di business o la promozione a guidarti, potrebbe esserci qualcos’altro. Potresti soffrire di maniaco del lavoro.

Che cos’è il workaholism?

Il workaholism è la dipendenza di lavorare eccessivamente per ore e ore senza preoccuparsi del proprio benessere psicofisico. Un maniaco del lavoro è una persona che soffre di maniaco del lavoro e sente l’impulso a lavorare per ore lunghe e difficili.

Ti ricordi Thomas Shelby? Il famoso personaggio di Peaky Blinders interpretato da Cilian Murphy. Nella serie, Thomas soffre di disturbo da stress post-traumatico (PTSD), ma il suo modo di affrontarlo è immergersi nel lavoro e in più lavoro a parte la dipendenza da droghe e alcol. Ora potresti dire che non è un modo di vivere, ma in realtà, molti di noi cadono inconsapevolmente in questo tipo completamente diverso di dipendenza; che invece di aiutarci a risolvere i problemi emotivi, ci spinge in un abisso rumoroso in cui il senso di sé diventa tutto ciò che gli altri vogliono da noi invece di ciò che noi vogliamo da noi stessi.

Storia del workaholism

Il termine workaholism è stato coniato nel 1971 dal ministro e psicologo Wayne Oates , che ha descritto il workaholism come “la compulsione o il bisogno incontrollabile di lavorare incessantemente”. Una definizione più completa data da Clark, Michel, Zhdanova, Pui & Baltes (in stampa ) include componenti quali “sentirsi in dovere di lavorare a causa di pressioni interne; avere pensieri persistenti sul lavoro quando non si lavora; lavorare al di là di quanto ragionevolmente ci si aspetta dal lavoratore (come stabilito dai requisiti del lavoro o dai bisogni economici di base) nonostante le potenziali conseguenze negative (es. questioni coniugali).â€

Questa cosiddetta qualità di lavorare così duramente, e anche quella, per ore ridicolmente lunghe, è solitamente percepita come qualcuno che è immensamente appassionato del proprio lavoro. È acclamato da tutti e, nella maggior parte dei casi, anche le persone vengono premiate senza rendersi conto del suo impatto sul loro benessere generale.

Per capirlo meglio, dobbiamo approfondire le possibili ragioni o problemi sottostanti che potrebbero trasformare qualcuno in un maniaco del lavoro. La ‘cultura del trambusto’ che è andata di moda negli anni incoraggia ed elogia le persone che lasciano che il loro lavoro invada tutti i confini che sono essenziali per mantenere un equilibrio tra la loro vita professionale e personale. Molte volte le persone tendono a buttarsi nel proprio lavoro ea tenersi occupate per distrarsi dai propri pensieri ed emozioni invece di affrontarle in modo sano.

Personalità associata a un maniaco del lavoro

Gli individui che soddisfano i criteri della personalità di tipo A e quelli che ottengono punteggi alti nelle scale di estroversione, coscienziosità e nevroticismo nel modello di personalità Big 5 o OCEAN (Openness, Consciousness, Extroversion, Agreeableness and Neuroticism) sono inclini a diventare maniaci del lavoro.

Segni di un maniaco del lavoro

Ti chiedi “Sono un maniaco del lavoro?†Ecco i segni di essere un maniaco del lavoro:

1. Ore di lavoro lunghe ed eccessive

2. Lavorare più a lungo dei colleghi

3. Portare regolarmente il lavoro a casa

4. Controllo di routine della posta elettronica e dei messaggi di lavoro a casa

5. Essere stressati senza lavoro

6. Lavorare per ridurre l’ansia, il senso di colpa o la depressione

Mentalità di un maniaco del lavoro

Un maniaco del lavoro potrebbe non amare necessariamente il proprio lavoro. Funzionano solo perché sentono che dovrebbero. D’altra parte, potrebbero amare molto il loro lavoro e proverebbero un senso di realizzazione o una fretta che li porta ad avere un disperato bisogno di andare avanti. Trovano difficile evitare di pensare di sentirsi stressati e colpevoli quando non lavorano. Hanno anche messo molto più lavoro di quanto le loro aziende si aspettano da loro.

Come il workaholism influisce sulla vita

Alla fine, la soddisfazione sul lavoro di un maniaco del lavoro inizia a diminuire, mentre lo stress, i comportamenti controproducenti e il cinismo iniziano a crescere. Per quanto riguarda le loro famiglie, possono sperimentare una bassa soddisfazione familiare insieme a insoddisfazione coniugale e conflitti tra lavoro e vita. Anche la loro salute fisica ed emotiva ha un impatto e la loro soddisfazione generale per la vita inizia a diminuire. Un numero crescente di persone corre anche il rischio di subire un burnout. Potrebbero anche sperimentare il fenomeno della spersonalizzazione, il che significa che si sentono distaccati da se stessi.

Studi sul lavoro

Uno studio condotto dall’Università di Bergen ha mostrato che il workaholism si verifica spesso in concomitanza con disturbi psichiatrici come ansia, ADHD, DOC e depressione. L’Università di Harvard ha condotto un altro studio, monitorando numerosi argomenti nel corso di 75 anni. Questo studio ha concluso che sono le buone relazioni che formiamo nella nostra vita che ci mantengono sani e felici per tutta la nostra vita. Spiega quanto sia fondamentale per noi avere relazioni significative e con gli altri. Parla anche di come la solitudine possa avere effetti dannosi sul nostro benessere psicologico e fisico ed essere anche responsabile del declino del funzionamento del nostro cervello – qualcosa a cui un maniaco del lavoro potrebbe essere diretto se si rifiutasse di mantenere un lavoro sano -equilibrio di vita.

Un buon lavoro promette una vita più felice?

Il famoso psicologo Martin EP Seligman ha creato un modello composto da 5 componenti che garantirebbe una vita soddisfatta e felice. Questo modello è chiamato modello PERMA. P sta per Emozioni positive, che significa concentrarsi sul sentirsi bene, creare e provare emozioni positive; E sta per Engagement, che significa essere completamente assorbiti dalle attività in cui si è impegnati e abbandonarsi a uno stato di flusso; R sta per Relazioni, che significa sviluppare e mantenere connessioni autentiche con gli altri; M sta per Significato, che significa trovare il tuo scopo nella vita; e A sta per Achievement, che significa avere un senso di realizzazione e successo nella vita.

Sfortunatamente, la A è stata per lo più vista come un successo nel lavoro o nel settore finanziario della vita. Le persone hanno iniziato a percepire il lavoro come parte della propria identità, come se i risultati che ottengono sul lavoro determinassero il loro valore. Quello che devono ricordare a se stessi è che un lavoro è solo una parte della tua vita e non tutta la tua vita. È fondamentale avere una vita produttiva al di fuori del lavoro e non lasciare che il tuo lavoro determini il tuo valore.

Come trattare il workaholism

Ecco come curare il maniaco del lavoro:

1. Identifica il problema

È essenziale essere in grado di riconoscere i propri pensieri, convinzioni e motivazioni dietro le proprie azioni. Affrontare e riconoscere il problema è il primo passo.

2. Adottare misure per garantire un sano equilibrio tra lavoro e vita privata

Mantenere un equilibrio tra lavoro e vita professionale aiuta a migliorare la qualità della vita, il benessere emotivo e fisico. Include impegnarsi in attività e hobby piacevoli, sviluppare abitudini sane, trascorrere del tempo con i propri cari, prendersi del tempo per sé stessi e stabilire e mantenere i confini. È importante rendersi conto dell’importanza e dei vantaggi di farlo e di non cedere alla “cultura del trambusto†.

3. Cerca un aiuto professionale

Un professionista della salute mentale non solo può aiutarti a riconoscere schemi di pensieri e comportamenti difettosi, ma può anche aiutarti a sostituirli con altri migliori. Aiutarti ad adottare meccanismi di adattamento migliori e più sani, a capirti meglio, che ti permetterebbero di vivere una vita produttiva e piena.

Quindi la prossima volta che offuschi i confini tra lavoro e vita personale, fermati e pensa: è davvero la passione per il lavoro o qualcos’altro che potrebbe farti impegnare così tanto sul lavoro. Forse un problema di fondo che richiede attenzione è il trattamento della condizione, che potrebbe aiutarti a dare la priorità alla tua felicità.

Meditazione per maniaci del lavoro

La meditazione di consapevolezza potrebbe aiutarti a immergerti nel profondo, a tacere i suoni intorno e a capire cosa è veramente che ti sta guidando verso il workaholism. Prova una delle nostre meditazioni guidate sullo stress.

Overcoming fear of failure through Art Therapy​

Ever felt scared of giving a presentation because you feared you might not be able to impress the audience?

 

Make your child listen to you.

Online Group Session
Limited Seats Available!