Superare i pensieri intrusivi: scatenare la tua resilienza

Giugno 6, 2023

7 min read

Avatar photo
Author : United We Care
Superare i pensieri intrusivi: scatenare la tua resilienza

introduzione

Le menti umane sono complesse e misteriose. Capaci di produrre oltre 6000 pensieri al giorno [1], a volte sono pensieri indesiderati. Questo articolo esplora il significato e la natura dei pensieri intrusivi e come gestirli.

Cosa sono i pensieri intrusivi?

Secondo l’APA, i pensieri intrusivi sconvolgono eventi mentali o immagini che possono interrompere i pensieri relativi al compito che una persona sta svolgendo [2]. I pensieri intrusivi possono avere le seguenti caratteristiche [3] [4] [5]:

  • sono ripetitivi; quindi, pensieri simili possono verificarsi ancora e ancora
  • Sono immagini o impulsi
  • Sono indesiderati e inaccettabili o non qualcosa a cui una persona vorrebbe pensare
  • Sono incontrollabili e possono accadere improvvisamente
  • Spesso non sono in sintonia con ciò che la persona fa o crede
  • Sono difficili da controllare o rimuovere
  • Causa angoscia, senso di colpa, vergogna o emozioni negative in una persona
  • E molto probabilmente per distrarre una persona dal compito su cui sta lavorando

Questi pensieri sono spesso correlati a danno, violenza, temi sessuali, aggressività, sporcizia o contaminazione [3] [4]. Possono anche avere temi di dubbi su se stessi, pensieri su specifici fattori di stress, fallimento o flashback del passato. Ad esempio, una persona che fa jogging può raggiungere un ponte e improvvisamente avere un pensiero invadente sul crollo del ponte. Altrimenti, la persona potrebbe non avere alcuna ansia per la salute e i ponti e potrebbe avere questo pensiero. Un altro esempio è una persona con una persona cara in ospedale che improvvisamente si ritrova a pensare alla propria morte.

Mentre alcuni individui possono mettere da parte questi pensieri, altri diventano ossessionati o spaventati. Diventano fattori scatenanti per eventi del passato e motivo di preoccupazione.

I ricercatori hanno concluso che le persone che si sentono in colpa per avere tali pensieri o credono di poter fare qualcosa di sbagliato perché hanno questi pensieri spesso si sentono angosciate [4]. Questo è particolarmente vero in disturbi come il disturbo ossessivo compulsivo, e quando iniziano tali ossessioni, l’individuo può anche sviluppare azioni o rituali per evitare questi pensieri.

Perché abbiamo pensieri intrusivi?

I pensieri intrusivi sono un fenomeno comune nelle persone [4]. Molte persone si ritrovano a pensare ad argomenti e situazioni non desiderati, ad esempio, trovandosi a pensare alla morte di una persona cara.

Ci sono speculazioni sulle origini dei pensieri intrusivi e un’ipotesi li considera parte della capacità di risoluzione dei problemi di un essere umano. Sono come una sessione di “brainstorming”, ei problemi sollevati potrebbero essere degni di attenzione se la situazione fosse diversa.

Tuttavia, i ricercatori hanno identificato che i pensieri intrusivi sono spesso correlati a condizioni di salute mentale. Questi includono:

Perché abbiamo pensieri intrusivi?

  1. Caratteristiche della personalità: alcuni ricercatori hanno evidenziato il ruolo delle caratteristiche della personalità come l’alta sensibilità, il nevroticismo e la coscienziosità nell’essere più inclini a pensieri intrusivi [5].
  2. Stress: le persone che soffrono di stress sono più inclini a pensieri intrusivi e sono meno in grado di ignorarli o controllarli [5]. Gli studi dimostrano che quando un individuo sta attraversando un momento difficile o ha sperimentato lo stress, l’incidenza di pensieri intrusivi aumenta insieme alla capacità dell’individuo di identificare parole (o stimoli) legati allo stress [6].
  3. Depressione e ansia: nella depressione, il pensiero ruminante sul passato e il disturbo d’ansia, la cognizione che causa preoccupazione per il futuro sono stati collegati a pensieri intrusivi [5].
  4. Trauma: specialmente negli individui con PTSD, sono comuni pensieri ricorrenti e intrusivi del ricordo di eventi traumatici [7].
  5. Disturbo ossessivo compulsivo : la maggior parte delle ricerche sui pensieri intrusivi è stata nel contesto del disturbo ossessivo compulsivo. Gli individui con disturbo ossessivo compulsivo sperimentano pensieri intrusivi che sono altamente angoscianti. Spesso diventano ossessionati dai pensieri e possono anche sviluppare un comportamento compulsivo per evitarli [4].

È importante ricordare che sperimentare pensieri intrusivi non indica necessariamente che qualcuno abbia una condizione di salute mentale. Tuttavia, se i pensieri intrusivi interferiscono con la vita quotidiana o causano un disagio significativo, può essere utile cercare il supporto professionale di un operatore di salute mentale. United We Care Platform ha una gamma di esperti che forniscono supporto per pensieri intrusivi e altre condizioni di salute mentale.

Come affrontare i pensieri intrusivi? 

I pensieri intrusivi possono causare ansia significativa e le persone tendono a sopprimerli o evitarli quando sono angosciati. Tuttavia, questo provoca un effetto di rimbalzo e può far tornare questi pensieri più forti con una frequenza maggiore [8].

Pertanto, l’uso di tecniche di soppressione del pensiero (come evitarle, distrarsi o usare l’interruzione del pensiero) potrebbe non essere utile. Invece, si possono affrontare i pensieri intrusivi utilizzando alcune delle seguenti tecniche:

Come affrontare i pensieri intrusivi?

  • Accettare e dare un nome al pensiero: invece di combattere, identificare che si sta avendo un pensiero intrusivo e nominarlo come tale può aiutare a separare il sé dal pensiero. Questo, insieme a un promemoria che i pensieri intrusivi sono comuni, può aiutare a ridurre il disagio [9]
  • Ristrutturazione cognitiva: questo approccio implica sfidare i pensieri negativi o distorti e sostituirli con altri più positivi o realistici. Ad esempio, quando un individuo ha un pensiero intrusivo negativo, può sfidarlo consapevolmente con un pensiero positivo e reale.
  • Consapevolezza: i componenti della consapevolezza che richiedono all’individuo di osservare i pensieri, non giudicarli e percepire il sé come più grande dei pensieri aiutano a gestire i pensieri intrusivi [10].
  • Evita di entrare in contatto con i pensieri: può essere utile evitare di basarsi su questi pensieri e identificarne il significato. Invece, consentire al sé di osservarli a distanza e non interagire con loro può ridurre l’impatto [11].
  • Psicoterapia: in particolare quando i pensieri intrusivi causano disfunzioni, si può visitare uno psicologo e discutere su come lavorare su questi pensieri. Di solito, i professionisti usano terapie come CBT e ACT per lavorare sulle intrusioni e aiutare un individuo.

Negli individui in cui questi pensieri possono far parte di un disturbo come disturbo ossessivo compulsivo, ansia, depressione o disturbo da stress post-traumatico, i farmaci possono anche aiutare a gestire i pensieri intrusivi. I farmaci possono aiutare a ridurre altri sintomi, aumentando la capacità della persona di affrontare questi pensieri indesiderati.

Conclusione

I pensieri intrusivi sono esperienze quotidiane, ma possono causare disagio e ansia significativi in alcuni individui. Sebbene nessuna ricerca spieghi in modo definitivo perché si verificano questi pensieri e possono essere difficili da gestire, esistono diverse strategie efficaci che le persone possono utilizzare per ridurre il loro impatto sulla vita quotidiana. L’accettazione, la ristrutturazione cognitiva, la consapevolezza e la ricerca di un aiuto professionale sono tutti approcci pratici per aiutare le persone a gestire i pensieri intrusivi. Contatta gli esperti della piattaforma United We Care se stai lottando con pensieri invadenti. In United We Care, il nostro team ti fornirà le migliori soluzioni per il tuo benessere generale .

Riferimenti

  1. C. Raypole, “ Quanti pensieri hai al giorno? E altre domande frequenti”, Healthline, (accesso 9 maggio 2023).
  2. “Apa Dictionary of Psychology”, American Psychological Association , (visitato il 9 maggio 2023).
  3. C. Purdon e DA Clark, “ Controllo percepito e valutazione dei pensieri ossessivi intrusivi : replica ed estensione”, Psicoterapia comportamentale e cognitiva , vol. 22, n. 4, pp. 269–285, 1994. doi:10.1017/s1352465800013163
  4. DA Clark, C. Purdon e ES Byers, “ Valutazione e controllo dei pensieri intrusivi sessuali e non sessuali negli studenti universitari “, Behaviour Research and Therapy , vol. 38, n. 5, pp. 439–455, 2000. doi:10.1016/s0005-7967(99)00047-9
  5. DA Clark, DA Clark e S. Rhyno, “ PENSIERI INTRUSIVI INDESIDERATI IN INDIVIDUI NON CLINICI Implicazioni per i disturbi clinici “, in Pensieri intrusivi nei disturbi clinici: teoria, ricerca e trattamento , New York: Guilford Press, 2005, pp. 1– 25
  6. L. Parkinson e S. Rachman, “ Parte III – pensieri intrusivi: gli effetti di uno stress non forzato “, Advances in Behavior Research and Therapy , vol. 3, n. 3, pp. 111–118, 1981. doi:10.1016/0146-6402(81)90009-6
  7. J. Bomyea e AJ Lang, “Contabilità dei pensieri intrusivi nel disturbo da stress post-traumatico : contributi del controllo cognitivo e strategie di regolazione deliberata “, Journal of Affective Disorders , vol. 192, pp. 184–190, 2016. doi:10.1016/j.jad.2015.12.021
  8. JS Abramowitz, DF Tolin e GP Street, “ Effetti paradossali della soppressione del pensiero : una meta-analisi di studi controllati”, Clinical Psychology Review , vol. 21, n. 5, pp. 683–703, 2001. doi:10.1016/s0272-7358(00)00057-x
  9. K. Bilodeau, “Managing intrusive thought”, Harvard Health , (visitato il 9 maggio 2023).
  10. JC Shipherd e JM Fordiani, “ L’applicazione della consapevolezza nell’affrontare pensieri intrusivi “, Pratica cognitiva e comportamentale , vol. 22, n. 4, pp. 439–446, 2015. doi:10.1016/j.cbpra.2014.06.001
  11. “Unwanted intrusive thought”, Anxiety and Depression Association of America , ADAA, (visitato il 9 maggio 2023).

Unlock Exclusive Benefits with Subscription

  • Check icon
    Premium Resources
  • Check icon
    Thriving Community
  • Check icon
    Unlimited Access
  • Check icon
    Personalised Support
Avatar photo

Author : United We Care

Torna in alto

United We Care Business Support

Thank you for your interest in connecting with United We Care, your partner in promoting mental health and well-being in the workplace.

“Corporations has seen a 20% increase in employee well-being and productivity since partnering with United We Care”

Your privacy is our priority