Guarire con la meditazione: un viaggio alla ricerca della pace

Aprile 24, 2024

8 min read

Avatar photo
Author : United We Care
Guarire con la meditazione: un viaggio alla ricerca della pace

introduzione

La meditazione è stata un potente strumento utilizzato per la guarigione e la crescita personale per migliaia di anni. La capacità della meditazione di calmare la mente e concentrarsi sul momento presente ha un profondo effetto curativo sul corpo e sulla mente, alleviando lo stress, l’ansia e il disagio fisico[1], migliorando la regolazione emotiva e l’attenzione e aumentando l’autoconsapevolezza [2]. La pratica regolare della meditazione può avviare il viaggio di una persona verso la guarigione.

Definire la guarigione con la meditazione

Meditazione è un termine ampio che comprende varie tecniche disponibili per la meditazione, come la meditazione consapevole, la meditazione mantra, il chi-gong [2], la gentilezza amorevole, la meditazione trascendentale, la scansione del corpo, ecc. Tutte queste tecniche richiedono focalizzare l’attenzione in un certo modo in modo non giudicante [3, p.190] [4]. Parametri nella tecnica di meditazione Per fornire una definizione coerente, Cardoso e i suoi colleghi [5] hanno fornito cinque parametri di ciò che è incluso in una tecnica di meditazione. Ciò include: 1) Tecnica specifica: non ci si siede semplicemente e si medita; c’è una procedura e un metodo per la pratica. 2) Rilassamento muscolare : ad un certo punto della meditazione, si sperimenta la pace nella mente e nel corpo. 3) Rilassamento logico: È necessario che ci sia più intenzione di analizzare, aspettarsi e giudicare qualsiasi cosa nella pratica. 4) Stato autoindotto: sebbene possa esserci un insegnante, la meditazione viene eseguita da soli e non dipende da alcuna risorsa esterna. 5) Ancora: c’è un punto di focalizzazione a cui tornare (ad esempio, respiro, corpo, fiamma, ecc.) quando ci si ritrova con la mente che vaga. Alcuni credono che la guarigione attraverso la meditazione avvenga perché genera una “risposta di rilassamento” in cui la parte del cervello responsabile della percezione dello stress rallenta [6]. Anche se il meccanismo esatto non è ancora preciso, e alcuni hanno trovato dei difetti in questa spiegazione [7], ci sono prove considerevoli che la meditazione può avere effetti curativi per vari problemi che si affrontano nella propria vita [1] [8]. Ulteriori informazioni – Problemi con gli allegati

Come iniziare a guarire con la meditazione?

Come iniziare a guarire con la meditazione? Iniziare con il processo di meditazione è facile. Alcuni passaggi che possono essere considerati sono i seguenti: 1) Stabilire un’intenzione: è necessario avere un obiettivo o uno scopo prima di iniziare. Potrebbe trattarsi di un problema fisico, emotivo o spirituale specifico o semplicemente di una scelta per promuovere il benessere generale. 2) Ritagliarsi spazio e tempo: la meditazione richiede uno spazio e un tempo in cui ci si possa sedere tranquillamente senza distrazioni. Pianificare la meditazione per un momento e un luogo particolari aumenta le possibilità di impegno nella pratica. 3) Scegli una tecnica: Esistono molte tecniche di meditazione; si può sperimentarli e notare quale funziona meglio. 4) Cercare guida e supporto: quando si inizia il viaggio, capire cosa fare e come diventa travolgente. Si può prendere in considerazione la ricerca di un master, l’iscrizione a un corso o un corso online (ad esempio, il corso di guarigione con meditazione in United We Care [9]) 5) Stabilire una pratica breve e coerente: la coerenza è più importante della lunghezza o della profondità in meditazione. Pertanto, iniziare piccole pratiche di 5-10 minuti aiuta a creare un’abitudine.

Perché è necessario guarire con la meditazione?

È stato ampiamente documentato che la meditazione ha numerosi benefici fisici, sociali e psicologici. Quando si inizia il viaggio nella meditazione, la guarigione su tutti i fronti diventa evidente.

Benefici fisici della meditazione

Benefici fisici della meditazione La meditazione può migliorare la salute fisica di un individuo e molti studi hanno documentato i suoi effetti ad ampio raggio. Ad esempio:

  • La meditazione ha migliorato la qualità della salute intestinale nei partecipanti [10].
  • È efficace nel ridurre il dolore cronico [11]
  • Ha risultati positivi su disturbi come la fibromialgia [12]
  • Ha effetti positivi sulla pressione sanguigna, sul colesterolo, sull’abuso di farmaci e riduce anche i rischi di malattie cardiache [13]
  • Infine, la meditazione altera i percorsi neurali in diverse regioni del cervello, che hanno effetti ad ampio raggio sulla persona [2]

Benefici psicologici della meditazione

Benefici fisici della meditazione La meditazione ha anche un impatto significativo sulla salute mentale di un individuo [1] [13]. Gli studi hanno dimostrato che la meditazione:

  • Riduce l’ansia in individui di diverse popolazioni [1] [14]
  • Ciò porta ad una notevole riduzione dello stress [1] [8] [14]
  • Ha anche ridotto le tendenze al perfezionismo [14]
  • Aiuta a ridurre i sintomi della depressione [1] [8] [14]
  • Migliora le capacità cognitive come l’attenzione [8], la memoria di lavoro, la pianificazione, il processo decisionale, ecc. [13]
  • Migliora l’autoconsapevolezza e l’autoregolamentazione[8]
  • Poiché la meditazione è collegata alla spiritualità, potrebbe migliorare il benessere spirituale di un individuo.

Benefici sociali della meditazione

È noto che alcuni tipi di meditazione, come la meditazione della gentilezza amorevole, migliorano le relazioni sociali e le relazioni con se stessi. Aumentano la capacità di compassione in un individuo, che ha un impatto positivo sull’interazione sociale [15]. Maggiori informazioni su: Le migliori tecniche di meditazione

Quali sono le sfide che potresti dover affrontare nel guarire con la meditazione?

Sfide affrontate durante la meditazione Sebbene la meditazione abbia immensi benefici, iniziare il viaggio nella meditazione presenta sfide considerevoli. In generale, le sfide nella meditazione sono le seguenti: 1) L’apprendimento è complesso: la meditazione richiede pratica come qualsiasi altra abilità. Per i primi giorni o mesi, potrebbe essere difficile sedersi e concentrarsi. Molti individui si sentono demotivati e interrompono presto il corso a causa di ciò 2) La trasformazione è lenta e talvolta invisibile: gli individui spesso meditano con l’idea che li trasformerà, ma devono rendersi conto che questo processo sarà prolungato. Pertanto, le loro aspettative vengono violate e abbandonano [16]. 3) C’è una questione di “farlo bene”: molti individui continuano a dubitare di se stessi e del fatto che stiano facendo correttamente la meditazione o meno [16]. Questi dubbi rendono l’esperienza spiacevole 4) Possono sorgere pensieri intrusivi: i partecipanti spesso riferiscono di affrontare pensieri e sentimenti che li disturbano e che sono difficili da gestire. Ciò provoca stress invece di ridurlo. [16] 5) Per alcuni, può avere un lato oscuro: soprattutto per individui con una storia di problemi di salute mentale, la meditazione può provocare o peggiorare episodi di ansia, depressione, confusione, insensatezza e mancanza di interesse per la vita [17 ]. Questi possono essere spaventosi e debilitanti per alcune persone. Maggiori informazioni su Mindfulness Va notato che la maggior parte di queste sfide possono essere mitigate quando si ha una guida nel loro viaggio verso la meditazione. Inoltre, bisogna riconoscere che per coloro che hanno gravi problemi di salute mentale, la meditazione da sola non sarà sufficiente. Devono consultare un professionista della salute mentale e lavorare sulla causa principale delle loro paure insieme alla meditazione. Da leggere: consulenza online

Conclusioni

La meditazione si riferisce a una serie di pratiche che coinvolgono tecniche specifiche, rilassamento muscolare e logico, abilità focalizzate su se stessi e ancoraggi. Ha una serie di benefici curativi e riduce lo stress, previene problemi di salute fisica, riduce l’ansia e la depressione e può persino migliorare le relazioni sociali. Pertanto, iniziare pratiche di meditazione regolari può avere immensi benefici, che possono portare a una trasformazione olistica. Sebbene ci siano alcune sfide quando si inizia la meditazione, queste possono essere mitigate iscrivendosi a corsi [9] o cercando l’aiuto di un maestro.

Riferimenti

[1] Madhav Goyal, MD (2014) Meditazione per lo stress psicologico e il benessere, JAMA Internal Medicine. Rete JAMA. Disponibile qui : (Accesso: 7 aprile 2023). [2] Tang, Y.-Y., Hölzel, BK e Posner, MI (2015) “The Neuroscience of Mindfulness Meditation”, Nature Reviews Neuroscience, 16(4), pp. 213–225. Disponibile qui: La neuroscienza della meditazione consapevole [3] Taylor, SE (2012) in Psicologia della salute. New York: McGraw-Hill, pp. 190 190. Disponibile qui [4] Baer, RA (2003) “Formazione alla consapevolezza come intervento clinico: una revisione concettuale ed empirica”. Psicologia clinica: scienza e pratica, 10(2), pp. 125–143. Disponibile su: Mindfulness Training [5] Cardoso, R. et al. (2004) “La meditazione in salute: una definizione operativa”, Brain Research Protocols, 14(1), pp. 58–60. Disponibile qui [6] Benson, H., Beary, JF e Carol, MP (1974) “La risposta al rilassamento”, Psychiatry, 37(1), pp. 37–46. Disponibile qui [7] Holmes, DS (1984) “Meditazione e riduzione dell’eccitazione somatica: una revisione delle prove sperimentali”. Psicologo americano, 39(1), pp. 1–10. Disponibile qui  [8] Tang, YY (2014) “L’intervento di meditazione a breve termine migliora l’autoregolamentazione e il rendimento scolastico”, Journal of Child and Adolescent Behaviour, 02(04). Disponibile qui [9] (nessuna data) Trova il professionista giusto – United We Care. Disponibile qui :(Accesso: 7 aprile 2023).  [10] Kanchibhotla, D., Sharma, P. e Subramanian, S. (2021) “Miglioramento dell’indice di qualità della vita gastrointestinale (GIQLI) dopo la meditazione: uno studio pilota a prova aperta in India”, Journal of Ayurveda and Integrative Medicine , 12(1), pp. 107–111. Disponibile qui [11] Kabat-Zinn, J., Lipworth, L. e Burney, R. (1985) “L’uso clinico della meditazione consapevole per l’autoregolamentazione del dolore cronico”, Journal of Behavioral Medicine, 8(2) , pp. 163–190. Disponibile qui [12] Sephton, SE et al. (2007) “La meditazione consapevole allevia i sintomi depressivi nelle donne con fibromialgia: risultati di uno studio clinico randomizzato”, Arthritis & Rheumatism, 57(1), pp. 77–85. Disponibile qui [13] Sharma, H. (2015) “Meditazione: processo ed effetti”, AYU (An International Quarterly Journal of Research in Ayurveda), 36(3), p. 233.Disponibile qui [14] Burns, JL, Lee, RM e Brown, LJ (2011) “L’effetto della meditazione sulle misure auto-riferite di stress, ansia, depressione e perfezionismo in una popolazione universitaria”, Journal of College Student Psicoterapia, 25(2), pp. 132–144. Disponibile qui [15] Galante, J. et al. (2014) “Effetto della meditazione basata sulla gentilezza sulla salute e sul benessere: una revisione sistematica e una meta-analisi”. Giornale di consulenza e psicologia clinica, 82(6), pp. 1101–1114. Disponibile qui [16] Lomas, T. et al. (2014) “Un’analisi qualitativa delle sfide esperienziali associate alla pratica della meditazione”, Mindfulness, 6(4), pp. 848–860. Disponibile qui [17] Il lato oscuro della meditazione: come dissipare questa oscurità – porta di ricerca (nessuna data). Disponibile qui (Accesso: 7 aprile 2023).

Unlock Exclusive Benefits with Subscription

  • Check icon
    Premium Resources
  • Check icon
    Thriving Community
  • Check icon
    Unlimited Access
  • Check icon
    Personalised Support
Avatar photo

Author : United We Care

Torna in alto

United We Care Business Support

Thank you for your interest in connecting with United We Care, your partner in promoting mental health and well-being in the workplace.

“Corporations has seen a 20% increase in employee well-being and productivity since partnering with United We Care”

Your privacy is our priority