Evitare il controtransfert: 5 segni che il tuo terapeuta è attratto da te

Gennaio 30, 2023

7 min read

Avatar photo
Author : United We Care
Evitare il controtransfert: 5 segni che il tuo terapeuta è attratto da te

Le relazioni tra clienti e terapeuti sono indubbiamente uniche . Sebbene la terapia sia spesso considerata un servizio, la relazione terapeutica sviluppata va ben oltre questo concetto.

Ai clienti viene fornito uno spazio sicuro e una compassione incondizionata dai terapeuti, dove si sentono a proprio agio nel rivelare le proprie emozioni e nella condivisione di problemi personali. Una relazione intima come questa crea l’ambiente perfetto per i sentimenti di attrazione.

Come capire se il tuo terapeuta è attratto da te e perché è importante

I clienti sono spesso attratti dai loro terapeuti, ma molti non ritengono che lo stesso possa accadere al terapeuta.

“Terapeuta sessualmente attratto dal cliente†: buono o cattivo? – è un argomento ampiamente dibattuto. Gli psicoterapeuti classici credevano che questa attrazione bloccasse la comprensione del paziente da parte del terapeuta. Tuttavia, i terapeuti moderni ritengono che ciò fornisca una visione di come il paziente influenzi le altre persone e possa aiutare nel processo terapeutico.

Le relazioni terapeuta-cliente sono incredibilmente intense e le norme sociali non sempre si applicano. In qualsiasi altra relazione, azioni come prestare attenzione o mostrare empatia possono essere percepite come interesse romantico; tuttavia, questo è proprio il lavoro del terapeuta.

Quindi, per rispondere alla domanda “”Il mio terapeuta è attratto da me?” , il contesto delle loro azioni è cruciale. Le azioni possono includere uno spostamento dei confini, come consentire alle sessioni di fare gli straordinari o rispondere alle tue chiamate tra le sessioni, o se sembrano cercare opportunità per toccarti deliberatamente.

Cosa significano controtransfert e transfert?

Il transfert si verifica quando i sentimenti del cliente per qualcun altro vengono reindirizzati al terapeuta. Al contrario, il controtransfert si verifica quando il terapeuta proietta i propri sentimenti ed esperienze personali sul cliente.

Il transfert è quando il cliente si fissa sul terapeuta. Il più delle volte, questa fissazione è sessuale. Implica qualcosa di più del semplice riconoscimento dell’attrattiva del cliente per il terapeuta e può portare a comportamenti inappropriati da parte del cliente che violano i confini terapeutici. Il transfert è considerato un passaggio essenziale in psicoanalisi.

Il controtransfert si verifica quando il terapeuta reagisce al cliente e può verificarsi come risultato del transfert del cliente. I terapeuti hanno spesso pensieri e sentimenti basati sui propri bisogni psicologici inespressi e conflitti che vengono rivelati quando i loro clienti condividono alcune caratteristiche con qualcuno di una relazione formativa nelle loro vite.

Le relazioni terapeuta-cliente possono essere influenzate negativamente dal controtransfert e il progresso può essere bloccato. Il transfert e il controtransfert sono argomenti essenziali sui quali il terapeuta dovrebbe informare il cliente.

Esempi di controtransfert

Il controtransfert si verifica in vari modi, tra cui:

  1. Condivisione di troppe informazioni: il terapeuta può iniziare a condividere informazioni estremamente personali con troppi dettagli. Questa “apertura†potrebbe non essere vantaggiosa per il trattamento del cliente.
  1. Genitore e figlio: le esperienze infantili dei terapeuti, o le loro esperienze con i figli, possono essere proiettate sui clienti. Sfidando il cliente, il terapeuta inizia a farlo sentire peggio di quando ha iniziato.
  1. “Sei speciale”: il terapeuta afferma che un cliente è unico e diverso dagli altri. Possono svilupparsi sentimenti romantici e può essere generato il desiderio di iniziare una relazione sessuale.

Attrazione reciproca in terapia: cosa non dovrebbe fare un terapeuta?

Un terapeuta esperto costruirà un ambiente in cui alcune linee sono inviolabili e il 100% dell’attenzione è dedicato al trattamento.

Tuttavia, le linee possono diventare sfocate durante il corso del trattamento.

Con il transfert, una parte vitale del processo di guarigione, e il controtransfert come sottoprodotto, l’attrazione reciproca è una forte possibilità in terapia.

Il focus della terapia è sulle esperienze emotive e sul tumulto interiore dei clienti. Quando un terapeuta ammette di provare dei sentimenti per un paziente, il paziente inizia a immaginare i due come una coppia romantica. Il focus dell’esperienza si sposta sulle circostanze esterne. Di conseguenza, lo scopo stesso della terapia viene sacrificato.

Se il paziente vuole parlare della propria attrazione, il terapeuta dovrebbe riconoscerlo e riportarlo delicatamente alla fonte dell’attrazione e al modo in cui è iniziata. Con questo riconoscimento da entrambe le parti, il cliente può capire la sua motivazione e, ancora una volta, anche l’attenzione viene restituita a lui.

“Quali sono i segni che il mio terapista è attratto da me?â€

Cosa ti fa pensare: ” Penso che il mio terapeuta sia attratto da me “. Si suggerisce spesso che i clienti che sperimentano il transfert possano sentirsi in questo modo indipendentemente dal controtransfert in atto.

Il l’elenco seguente fornisce alcuni segni che il tuo terapeuta è attratto da te:

  1. Modifiche alle sessioni terapeutiche: prolungare le sessioni inutilmente, riducendo la tariffa a proprio vantaggio.
  1. Cambiamenti comportamentali: vestirsi in un certo modo, avvicinarsi a te durante le sessioni e cercare di toccarti più frequentemente. Anche gli aspetti della tua vita vengono evitati per paura di sconvolgerti, ostacolando la tua guarigione. Chiedono di incontrarti al di fuori della terapia senza motivo.
  1. Simpatia invece di empatia: il terapeuta inizia a condividere i sentimenti dei clienti (simpatizzare) piuttosto che comprendere (empatizzare). La simpatia può essere molto esagerata.
  1. Divulgazione personale: i terapeuti spesso iniziano a divulgare informazioni su se stessi ai clienti. È comune che piangano.
  1. Giudizio: valutano la tua vita e le persone che la compongono, indipendentemente dalle tue opinioni. Iniziano a dare consigli ai clienti invece di lasciare che giungano alle loro conclusioni.

Come affrontare il controtransfert in terapia?

Per un cliente che sperimenta il controtransfert dal terapeuta, è essenziale avere una comunicazione aperta .

  1. Discussione: Sentiti libero di parlare con il terapeuta dei tuoi sentimenti.
  1. Spiega: se le loro azioni e il loro comportamento ti mettono a disagio, devi informare il tuo terapeuta. Considerando che le interazioni terapeutiche sono uniche e ogni relazione è nuova, è possibile che semplicemente non abbiano ancora un buon senso di come interagire al meglio con te.
  1. Trasparenza: è fondamentale che tu sia onesto con il tuo terapeuta e scopri se puoi ancora lavorare insieme o se forse può aiutarti a trovare un altro terapeuta. Per quanto possa essere difficile essere aperti e onesti, è la cosa migliore che puoi fare per il tuo benessere e quello dei tuoi terapeuti.

Discutere apertamente del controtransfert “”romantico”” può essere molto efficace. Se il tuo terapeuta ha espresso in modo assertivo e imposto confini fermi mentre esplora queste dinamiche, immagina quanto sarebbero utili le tue sessioni.

Come affrontare il controtransfert come terapeuta?

Il controtransfert può essere gestito in modo più efficace attraverso la consapevolezza .

  1. Riconoscimento: i terapeuti possono prevenire i danni riconoscendo il controtransfert non appena inizia a verificarsi. Quando hai a che fare con i clienti, devi essere consapevole dei tuoi sentimenti. Le informazioni del cliente sono fondamentali per te? Ogni volta che hai a che fare con un cliente, rimani neutrale e attento alle tue reazioni.
  1. Vita personale: un terapeuta la cui vita personale è frenetica o stressata può facilmente cedere al controtransfert. Per lavorare con i clienti in modo efficace, i terapeuti devono praticare la cura di sé e avere una mentalità positiva. Assicurati che tu e il tuo cliente siate consapevoli delle vere intenzioni l’uno dell’altro.
  1. Consulta: se ti ritrovi a mostrare difensiva o reattività nei confronti della situazione del tuo cliente, contatta i tuoi coetanei nel campo della salute mentale. Possono aiutarti a gestire efficacemente il controtransfert.
  1. Fare riferimento ad Altri: Il terapeuta dovrebbe sempre dare la priorità al paziente. I clienti con i quali hanno difficoltà a evitare o gestire il controtransfert dovrebbero essere indirizzati a un altro terapeuta.

Assumere che un terapeuta non avrà mai una reazione controtransferale non è realistico. È inoltre utile per i terapeuti identificare i problemi del cliente e distinguere tra i loro fattori scatenanti e quelli dei loro clienti.

Unlock Exclusive Benefits with Subscription

  • Check icon
    Premium Resources
  • Check icon
    Thriving Community
  • Check icon
    Unlimited Access
  • Check icon
    Personalised Support
Avatar photo

Author : United We Care

Torna in alto

United We Care Business Support

Thank you for your interest in connecting with United We Care, your partner in promoting mental health and well-being in the workplace.

“Corporations has seen a 20% increase in employee well-being and productivity since partnering with United We Care”

Your privacy is our priority