In che modo i giornalisti possono mantenere la loro salute mentale in una professione ad alto stress?

Giugno 9, 2023

7 min read

Avatar photo
Author : United We Care
In che modo i giornalisti possono mantenere la loro salute mentale in una professione ad alto stress?

introduzione

Il giornalismo è una professione impegnativa che svolge un ruolo vitale nel plasmare la società fornendo informazioni preziose e tenendo conto del potere. Tuttavia, i giornalisti affrontano sfide distinte dietro i titoli e le firme che possono avere un impatto significativo sul loro benessere mentale. Questo articolo esplorerà i problemi di salute mentale che i giornalisti devono affrontare, i fattori che contribuiscono alle loro lotte e l’importanza di affrontare questi problemi all’interno del settore.

Quali sono i fattori di stress nella professione di giornalista?

Il lavoro di un giornalista ha molteplici alti e bassi, ed è frenetico, stressante e impegnativo. Alcuni fattori di stress quotidiani che i giornalisti devono affrontare sono:

Quali sono i fattori di stress nella professione del giornalismo?

Esposizione a immagini ed eventi traumatici 

I giornalisti spesso riferiscono dalla prima linea di conflitti, disastri naturali e altri eventi critici come incidenti, violenze, abusi e omicidi. L’esposizione ripetuta a eventi traumatici con poco tempo per elaborarli può portare a angoscia e traumi indiretti nel tempo [1] [2].

Ambiente di lavoro frenetico _

La natura frenetica dell’industria del giornalismo, le scadenze ravvicinate e la pressione del tempo per produrre storie avvincenti prima che altri possano creare un ambiente ad alto stress [1].

Comportamenti a rischio

Molti giornalisti si mettono in pericolo per fornire notizie uniche e critiche per la gente [1]. 

Molestie , minacce e rischio accresciuto per le loro vite _

Molti giornalisti, come quelli che si occupano di ambiente o di politica, corrono il rischio di affrontare minacce alla loro vita, inclusi omicidi e aggressioni [3]. In alcune parti del mondo, le giornaliste donne sono particolarmente a rischio di molestie sessuali e discriminazioni di genere [4]. Questi rischi per la sicurezza possono avere effetti negativi sulla salute mentale.

Mancanza di formazione e consapevolezza nella gestione della salute mentale

Mentre molti soccorritori sono consapevoli dell’impatto psicologico del loro lavoro, i membri dei media non sono preparati e hanno meno accesso a interventi appropriati [1] [2] [5]. Inoltre mancano di una formazione adeguata per affrontare questo impatto, peggiorando le condizioni.

Isolamento sociale

La natura del giornalismo, che comporta orari irregolari e lunghe ore, può portare all’isolamento sociale. I giornalisti spesso lavorano da soli o in piccoli gruppi, limitando le opportunità di sostegno sociale e aumentando il rischio di solitudine e problemi di salute mentale.

Scarsa cultura organizzativa

Molte case dei media hanno richieste irrealistiche da parte dei giornalisti. Questo, insieme a lunghi orari di lavoro, meno tempo per sé e per la famiglia, mancanza di attenzione al benessere dei dipendenti, mancanza di supporto da parte dei superiori, scarsa retribuzione e scarsa sicurezza sul lavoro, può portare a condizioni di lavoro dannose per i giornalisti [1].

Stigma A round M ental Health h _

Mentre molti giornalisti possono avere un atteggiamento positivo nei confronti dei problemi di salute mentale, c’è una notevole paura di essere percepiti come deboli per avere una malattia mentale [2]. Alcuni studi hanno dimostrato che i giornalisti temono la fiducia di datori di lavoro e colleghi se rivelano di essere traumatizzati [2].

L’impatto del lavoro di un giornalista sulla salute mentale

I fattori di stress sopra menzionati hanno un impatto significativo sulla salute mentale dei giornalisti. Affrontano una serie di problemi di salute mentale, tra cui [1] [2] [5]:

L'impatto del lavoro di un giornalista sulla salute mentale

  • Disturbo post traumatico da stress
  • Fatica
  • Bruciato
  • Ansia
  • Depressione
  • Bassa qualità della vita
  • Alcolismo e abuso di sostanze

La prevalenza del disturbo da stress post-traumatico è alta nei giornalisti [1]. L’ansia e la depressione sono comuni; secondo un sondaggio, il 70% dei giornalisti ha riferito di disagio psicologico dovuto al proprio lavoro [5].

La costante esposizione a contenuti traumatici rende molti giornalisti desensibilizzati e induriti nei loro confronti. Ciò riduce ulteriormente la capacità di rispondere con compassione ed empatia e può portare a un accumulo di stress. Questo ha il potenziale per influenzare le loro relazioni sociali e la qualità della vita.

Per gestire questi problemi, molti giornalisti ricorrono a strategie di coping di natura evitante. Le strategie comuni includono l’umorismo oscuro, l’attenzione agli aspetti tecnici del lavoro e l’uso di sostanze [6]. Sebbene utili sul campo, questi possono portare a emozioni e traumi non elaborati se continuati per lungo tempo.

I giornalisti devono riconoscere e comprendere l’impatto del loro lavoro. Sebbene possano essere necessari cambiamenti a livello di politica e organizzazione per sostenerli, molti singoli giornalisti possono agire per bilanciare la loro salute mentale.

Suggerimenti pratici per mantenere una buona salute mentale come giornalista

Ci sono una serie di cose che un giornalista può fare per costruire una buona salute mentale. Alcune strategie includono:

Suggerimenti pratici per mantenere una buona salute mentale come giornalista

1) Costruire un adeguato sostegno sociale Poiché i giornalisti hanno lavori che potenzialmente li fanno sentire isolati e gestiscono eventi delicati, è essenziale creare spazi sicuri per parlare. Costruire reti di supporto tra pari e identificare amici o familiari di cui ti puoi fidare può aiutarti a parlare con qualcuno quando necessario [7]. Ridurrà l’isolamento e preverrà il disagio psicologico. 2) Accesso alle risorse online Dal momento che molti giornalisti lavorano in un ambiente in cui il supporto è minore e l’accesso alle risorse per la salute mentale non c’è, molte organizzazioni hanno lavorato per creare risorse gratuite e accessibili online. Organizzazioni come Dart Center [8], Carter Center [9] e International Journalist Network [10] hanno creato risorse gratuite per la salute mentale per i giornalisti. 3) Impegnarsi nella cura di in termini di attività di rilassamento, programmare il tempo per il gioco o la catarsi, esercizio fisico e piccoli rituali durante il giorno può aiutare a creare un certo grado di equilibrio tra lavoro e vita privata. È fondamentale avere una buona routine del sonno per un funzionamento efficace. 4) Prepararsi e riprendersi dalle storie difficili È essenziale praticare la compassione prima, durante e dopo una storia difficile. Prima della storia, pensa a cosa sarà difficile e scopri le strategie per affrontarlo. È anche importante non sforzarti di superarlo e prenderti del tempo dopo per riposare, riflettere e riconnetterti con te stesso [11]. Riconnettersi con il tuo scopo di essere un giornalista può anche aiutare a superare l’angoscia. 5) Considera la terapia Soprattutto per i giornalisti che affrontano il disturbo da stress post-traumatico e disturbi come la depressione o l’ansia, può essere fruttuoso impegnarsi in un lavoro 1: 1 con un terapista. Questo può aiutare ad affrontare il burnout insieme ai sentimenti repressi.

Conclusione

La salute mentale tra i giornalisti è una preoccupazione pressante che spesso passa inosservata. La natura impegnativa del loro lavoro, l’esposizione a eventi traumatici e la costante pressione per fornire notizie accurate possono avere un impatto significativo su di loro. I giornalisti devono riconoscere questo impatto e lavorare attivamente per migliorare la loro salute mentale. Strategie come l’apprendimento della cura di sé, la costruzione di una rete di supporto e il tempo per la catarsi possono aiutare.

Se sei un giornalista chi è alle prese con problemi di salute mentale, contatta gli esperti di United We Care . In United We Care, i nostri esperti di benessere e salute mentale possono guidarti con i migliori metodi per il benessere.

Riferimenti

  1. S. Monteiro, A. Marques Pinto e MS Roberto, “Richieste di lavoro, coping e impatti dello stress professionale tra i giornalisti: una revisione sistematica”, European Journal of Work and Organizational Psychology , vol. 25, n. 5, pp. 751–772, 2015. doi:10.1080/1359432x.2015.1114470
  2. Y. Aoki, E. Malcolm, S. Yamaguchi, G. Thornicroft e C. Henderson, “La malattia mentale tra i giornalisti: una revisione sistematica”, International Journal of Social Psychiatry , vol. 59, n. 4, pp. 377–390, 2012. doi:10.1177/0020764012437676
  3. E. Freedman, “Nel mirino: i pericoli del giornalismo ambientale”, Journal of Human Rights , vol. 19, n. 3, pp. 275–290, 2020. doi:10.1080/14754835.2020.1746180
  4. S. Jamil, “Sofferenza in silenzio: la resilienza delle giornaliste pakistane per combattere le molestie sessuali, le minacce e la discriminazione,” Journalism Practice , vol. 14, n. 2, pp. 150–170, 2020. doi:10.1080/17512786.2020.1725599
  5. K. Göktaş, “La verità non detta sulla salute mentale dei giornalisti”, Media Diversity Institute, https://www.media-diversity.org/the-unspoken-truth-about-journalists-mental-health/ (visitato il 25 maggio 2023).
  6. M. Buchanan e P. Keats, “Fronteggiare lo stress traumatico nel giornalismo: uno studio etnografico critico”, International Journal of Psychology , vol. 46, n. 2, pp. 127–135, 2011. doi:10.1080/00207594.2010.532799
  7. C. BEDEI, “Tips for coping after reporting distressing and traumatic stories,” International Journalists’ Network, https://ijnet.org/en/resource/tips-coping-after-reporting-distressing-and-traumatic-stories (consultato 25 maggio 2023).
  8. B. Shapiro, “Dart center style guide for trauma-informed journalism”, Dart Center, https://dartcenter.org/resources/dart-center-style-guide (visitato il 25 maggio 2023).
  9. “Resources”, Rosalynn Carter Fellowships, https://mentalhealthjournalism.org/resources/ (visitato il 25 maggio 2023).
  10. “Mental Health and journalism”, International Journalists’ Network, https://ijnet.org/en/toolkit/mental-health-and-journalism (visitato il 25 maggio 2023).
  11. NS Miller, “Suggerimenti per la cura di sé per i giornalisti, oltre a un elenco di diverse risorse”, The Journalist’s Resource, https://journalistsresource.org/home/self-care-tips-for-journalists-plus-a-list- of-varie-resources/ (accesso 25 maggio 2023).

Unlock Exclusive Benefits with Subscription

  • Check icon
    Premium Resources
  • Check icon
    Thriving Community
  • Check icon
    Unlimited Access
  • Check icon
    Personalised Support
Avatar photo

Author : United We Care

Torna in alto

United We Care Business Support

Thank you for your interest in connecting with United We Care, your partner in promoting mental health and well-being in the workplace.

“Corporations has seen a 20% increase in employee well-being and productivity since partnering with United We Care”

Your privacy is our priority