10 cose che faresti meglio a non dire al terapeuta

Dicembre 31, 2022

6 min read

introduzione

Negli ultimi tempi, la terapia è considerata il modo migliore per affrontare i problemi di salute mentale. Tuttavia, una persona dovrebbe condividere tutto con il proprio terapeuta? La risposta è no. Per il semplice motivo che la terapia ha dei limiti in quanto viene somministrata e ricevuta dagli esseri umani. Un essere umano è facilmente incline al pregiudizio. Anche se i terapeuti fanno del loro meglio per aiutare ogni paziente, non riescono a capire ogni pensiero, sentimento ed emozione. Pertanto, un paziente deve essere vigile. Il benessere mentale è un fattore vitale che influenza il comportamento e le relazioni sociali di una persona. Tuttavia, ogni persona ha una zona di comfort diversa mentre esprime o condivide pensieri con qualcuno, per non parlare di un terapeuta. Interagire con amici e familiari è sempre più facile rispetto all’interazione con medici, terapisti e estranei. In questi casi, la consapevolezza e la comprensione dei limiti sono fondamentali. La terapia non è altro che una tecnica per colmare il divario tra la tua coscienza e i tuoi veri sentimenti. E un terapeuta generalmente funge da guida per guidare la tua mente nella giusta direzione. Tuttavia, la terapia non riguarda il terapeuta; si tratta di te.

Quali sono le 10 cose che non dovresti mai dire a un terapeuta?

Ci sono alcune cose che è meglio dire a chiunque, incluso il tuo terapeuta. Queste sono le cose che devi sistemare e realizzare individualmente. Quindi, abbiamo compilato un elenco di 10 cose che non dovresti mai dire al tuo terapeuta .

1. Non rivelare mai alcun comportamento o problema irrilevante per la tua terapia.

Un terapeuta si preoccupa principalmente dei problemi di cui soffre un individuo e lo aiuta a trovare una soluzione efficace. Nella maggior parte dei casi è irrilevante condividere subito con il terapeuta alcuni problemi più oscuri o profondi. La discussione dovrebbe concentrarsi sulla questione principale e non spostare l’attenzione su altre questioni minori che potrebbero mettere a disagio il paziente e il terapeuta all’inizio.

2. Non negare mai espressamente le istruzioni di un terapeuta.

La terapia è una raccomandazione che un terapeuta di solito fa per il miglioramento di un individuo. Tuttavia, se la terapia sembra essere fuori mano o non vale la pena eseguire, di solito diciamo “”Non seguirò il consiglio””, che non è necessariamente una cosa salutare da fare. Ogni persona ha bisogno di tempo per elaborare le cose e, allo stesso modo, il paziente dovrebbe essere più tollerante e composto, consentendo alla terapia di mostrare risultati visibili.

3. Non negare mai alcun incarico o compito e sii scortese con il terapeuta.

Gli incarichi sono una sorta di controllo dei progressi che aiuta il terapeuta a determinare il livello di miglioramento dall’ultima sessione. Tuttavia, si dovrebbe evitare di negare o essere scortesi con il terapeuta. Non dire mai che “non ho fatto i compiti”. In caso di difficoltà, il terapeuta e il paziente possono gestire reciprocamente la situazione.

4. Non dirigere le emozioni negative verso un terapeuta.

La terapia, nella maggior parte dei casi, viene praticata per evitare di sopprimere emozioni violente come rabbia e ansia invece di affrontarle in modo sano in modo che non si trasformino in schemi di pensiero negativi. Tuttavia, non devi dirigere tali emozioni negative verso un terapeuta. Dovresti ricordare che il tuo terapeuta non è tuo nemico e sta solo cercando di aiutarti a diventare una persona migliore.

5. Non esprimere apertamente una prospettiva negativa per la terapia.

Il paziente non dovrebbe essere pessimista sulla terapia; invece, prendi tutti i feedback in modo positivo e di buon umore. Sulla base di sondaggi condotti da persone che hanno subito un trattamento in passato, la maggior parte delle persone commette questo errore comune. Senza comprendere l’aspetto funzionale della terapia, le persone spesso sminuiscono la terapia e il terapeuta stesso.

6. Non chiedere mai informazioni riservate su altri pazienti.

Come paziente, non dovresti mai influenzare o costringere il terapeuta a condividere informazioni riservate riguardanti altri pazienti del terapeuta. Non è solo immorale, ma potrebbe anche portare a ripercussioni legali. Non dovresti mai tentare di corrompere o usare altre misure non etiche che mettono a rischio te o il terapeuta.

7. Non indulgere in argomenti che esprimono insensibilità verso qualsiasi cultura, razza, genere o sesso.

Anche se ogni conversazione tra un paziente e un terapeuta autorizzato è privilegiata e confidenziale, non deve essere colta come un’opportunità per diffamare o demoralizzare alcuna cultura, razza, genere o sesso. La conversazione dovrebbe essere limitata a scopi terapeutici e non dovrebbe essere estesa diversamente. Il rispetto reciproco deve essere mantenuto tra il paziente e il terapeuta. Ad esempio, non dovresti insultare, discriminare o calunniare un terapeuta in base alla sua casta e religione. Non devi raggiungere conclusioni insensate e, se ci sono problemi o dubbi, connettiti eticamente con il tuo terapeuta.

8. Cerca di evitare di discutere della vita lavorativa, soprattutto se sei vincolato dalla riservatezza.

Per tutto il tempo necessario, un paziente dovrebbe concentrarsi solo sulla terapia personale ed evitare di rivelare informazioni relative al lavoro al terapeuta. La maggior parte delle aziende sottolinea la riservatezza e la protezione dei dati. In qualità di dipendente ragionevole, non devi divulgare informazioni riservate, MNPI o altre informazioni relative al lavoro che non siano correlate alla tua terapia.

9. Il paziente non dovrebbe avviare alcuna conversazione romantica con il terapeuta.

A volte, è comune che i pazienti siano attratti dal proprio terapeuta. I pazienti introversi in particolare hanno questa tendenza a sentirsi in connessione con il terapeuta in modo delirante. Non solo è professionale, ma anche oltre i confini etici della relazione paziente-terapeuta.

10. Non rivelare mai nomi reali quando parli della tua vita personale.

Raccomandiamo che ogni individuo che pianifica la terapia si astenga dall’usare nomi reali dalla vita personale mentre condivide eventuali incidenti o sentimenti. È possibile che quelle persone si connettano con lo stesso terapeuta in futuro o forse attualmente connesse. Ciò potrebbe influenzare i risultati della tua terapia o potrebbe avere un impatto anche sulla terapia dell’altra persona. Ti consigliamo inoltre di non rivelare alcun collegamento che possa essere correlato al terapeuta.

Conclusione

Per stabilire un forte legame paziente-terapeuta, il paziente dovrebbe avere una mentalità corretta prima di rivolgersi a un terapeuta. Inoltre, un legame adeguato porterà solo a progressi nella terapia e ti aiuterà a diventare una persona migliore. Inoltre, un buon legame con il terapeuta fa sentire il paziente rispettato e al sicuro. Tuttavia, se finisci per sviluppare o affrontare emozioni violente o negative in qualsiasi momento, devi cercare di esercitare il controllo e comunicarle solo in modo corretto e sano. I terapeuti devono seguire linee guida rigorose e trattare i pazienti come prescritto nel codice etico di condotta. Tuttavia, il rapporto tra paziente e terapeuta deve essere aperto e affidabile, e tutta la comunicazione deve essere fatta in modo maturo e ragionevole, tenendo presenti tutte le possibili ripercussioni. “

X

Make your child listen to you.

Online Group Session
Limited Seats Available!