Iperfissazione: sintomi, cause e come affrontarla

Giugno 6, 2024

7 min read

Avatar photo
Author : United We Care
Iperfissazione: sintomi, cause e come affrontarla

introduzione

Hai mai quasi perso il volo perché eri così preso a pulire la casa prima di partire? Oppure ti sei ritrovato fino alle ginocchia a finire il tuo compito fino all’alba, cosa che ti ha fatto dimenticare completamente di incontrare il tuo amico a colazione? È una sensazione occasionale con cui molti di noi possono identificarsi. Ma per quelli di noi nello spettro autistico o con ADHD, questo è un evento frequente e si chiama iperfissazione. L’iperfissazione è quando prendi un particolare interesse o attività e ne diventi troppo preoccupato per il tuo bene. Sebbene le nostre passioni e i nostri interessi siano sani e appaganti, essere iperfissati su di essi può davvero ostacolare la nostra vita quotidiana e il nostro benessere.

Cos’è l’iperfissazione

Ti sei mai sentito come se il mondo intorno a te svanisse mentre eri impegnato nella tua attività di profondo interesse? Bene, questa è iperfissazione. Può anche essere definito “iperfocus” poiché l’attività del tuo focus occupa la maggior parte dei tuoi pensieri, tempo ed energia [1] . Inizialmente, può essere un’esperienza positiva per te poiché stai imparando così tanto e divertendoti a farlo. Ma alla fine, quando ti senti sopraffatto, potresti iniziare a trascurare il lavoro, gli impegni sociali e persino a prenderti cura di te stesso. Perdere porzioni di tempo e non riuscire a concentrarsi su altri aspetti importanti della propria vita può provocare uno squilibrio che può influire sul benessere generale. Ad esempio, come scrittore con ADHD, quando sono iperfissato sul lavoro, inavvertitamente ritardo i pasti o non riesco a tornare dalle persone. Questo alla fine mi fa sentire esausto e persino solo. Ulteriori informazioni sull’iperfissazione dell’ADHD

Quali sono i sintomi di iperfissazione

Come abbiamo già stabilito, l’iperfissazione ci disconnette dal nostro mondo esterno e da altre responsabilità altrettanto importanti. Sebbene i sintomi possano differire da persona a persona, ecco alcuni segnali comuni a cui prestare attenzione: quali sono i sintomi dell'iperfissazione

  • Perdi la cognizione del tempo: che si tratti di un’ora o di dieci, quando esci dalla tua attività di fissazione, hai difficoltà a ricordare dove è andato tutto quel tempo [2] .
  • Non ti accorgi di quello che succede intorno a te: non senti le persone intorno a te, non ti ricordi di mangiare o bere acqua e non ti accorgi nemmeno che fuori c’è un violento temporale. Perdi traccia del mondo che ti circonda e ti concentri solo sulla tua attività.
  • Hai uno straordinario livello di concentrazione: trascorri ore assorto nella tua attività, quindi puoi fare molti progressi nella tua attività ma non molto altrimenti.
  • Trascuri inavvertitamente le responsabilità: non rispetti le scadenze lavorative o lasci che le responsabilità domestiche scivolino via. Quindi, finisci per avere relazioni tese e difficoltà sul lavoro.
  • Ti senti solo o estraneo ai tuoi cari: sei così assorbito dalla tua attività che spesso rifiuti gli inviti o ti isoli, non presentandoti socialmente.
  • Ti senti fisicamente esausto: non riesci a dormire e a mangiare adeguatamente a causa dello stress e dell’ansia che la tua iperfissazione ti provoca [3] .
  • Oscilli tra gli interessi: ad esempio, per alcune settimane, sei ossessionato dall’apprendimento della cucina, ma poi lo superi completamente e prendi il giardinaggio come il tuo nuovo interesse divorante.

Da leggere: iperfissazione dell’autismo

Quali sono le cause dell’iperfissazione

Le cause dell’iperfissazione possono essere varie quanto le persone che la sperimentano. Spesso è una combinazione di fattori genetici, ambientali e psicologici. Alcune delle potenziali cause includono:

  • Neurodiversità: se sei nello spettro autistico o soffri di ADHD, potresti essere più incline all’iperfissazione perché il tuo cervello elabora le informazioni e le esperienze in modo diverso [4] .
  • Fuga dallo stress: potresti semplicemente cercare di fuggire dai fattori di stress della vita affrontando l’iperfissazione su qualcos’altro che non ti disturberebbe.
  • Interesse e passione: potresti essere sinceramente interessato e appassionato per l’attività specifica. La felicità che ti dà ti spinge a immergerti più profondamente in esso.
  • Percorsi di ricompensa del cervello: impegnarsi con l’attività della tua iperfissazione può innescare il rilascio di dopamina, rafforzando il tuo comportamento e creando un ciclo di feedback. Ti “senti bene” ogni volta che ti impegni nella fissazione, e così continui a impegnarti.

Parla con i nostri esperti

Come affrontare l’iperfissazione

Non è necessario abbandonare del tutto i tuoi interessi particolari. Esistono diverse strategie per aiutarti a far fronte all’iperfissazione e mantenere una vita equilibrata:

  • Mantenerti sotto controllo: sii onesto con te stesso riguardo all’intensità della tua iperfissazione e al modo in cui influenza altre aree della tua vita. L’autoriflessione è un ottimo strumento per creare consapevolezza.
  • Gestione del tempo e definizione dei limiti: sii la migliore guida di te stesso e stabilisci limiti di tempo specifici per dedicarti ai tuoi interessi. In questo modo, puoi garantire una distribuzione equilibrata del tempo per tutte le altre tue responsabilità [5] .
  • Costruire e cercare supporto: raggiungere e appoggiarsi ai tuoi amici e alla tua famiglia può darti supporto emotivo e nuove prospettive. Possono persino impedirti di scivolare troppo nella tua fissazione.
  • Strutturazione della routine: crea una routine quotidiana ben definita per combattere tutti i disagi che la tua iperfissazione potrebbe causare. Assicurati di dedicare equamente il tempo al lavoro, al tempo libero e alla cura di te stesso.
  • Pratiche di consapevolezza: l’effetto radicante della meditazione può aiutarti a riprendere il controllo sui tuoi pensieri e sulle tue emozioni. Può anche ridurre l’ansia e lo stress.
  • Interventi terapeutici: la terapia cognitivo-comportamentale (CBT) può aiutarti a identificare modelli di pensiero e comportamenti che non ti servono e a modificarli.
  • Farmaci: se soffri di una condizione di base come l’ADHD o il disturbo ossessivo compulsivo, il tuo psichiatra può prescriverti farmaci per gestire queste condizioni che contribuiscono alla tua iperfissazione.

Da leggere: Iperfissazione vs Iperfocus

Conclusione

L’iperfissazione è un fenomeno complesso che può avere effetti sia positivi che negativi sulla tua vita. Potresti essere elettrizzato dall’intensa passione e competenza che può darti in un particolare argomento, ma può anche sconvolgere la tua vita quotidiana e il tuo benessere. Perdere la cognizione del tempo, distaccarsi da ciò che ci circonda e trascurare le proprie responsabilità e i propri cari sono solo alcune delle gravi conseguenze dell’iperfissazione. I tuoi fattori genetici e ambientali possono causare iperfissazione. Se soffri di ADHD o appartieni allo spettro autistico, potresti avere maggiori probabilità di sperimentarlo. Impegnarti nella tua attività di fissazione può rilasciare dopamina e farti impegnare ulteriormente in essa. Anche il semplice desiderio di sfuggire allo stress può spingerti verso un’iperfissazione. È possibile bilanciare i tuoi interessi speciali con la tua crescita personale, relazioni significative e benessere generale. Riconoscere la tua iperfissazione e riconoscere come influenza altre aree della tua vita è il primo passo per affrontarla. Puoi anche essere più attento e stabilire dei limiti riguardo al tempo che dedichi ai tuoi interessi. Un professionista della salute mentale può supportarti nell’adozione di sane strategie di coping per raggiungere questo equilibrio. Puoi chiedere aiuto agli esperti di United We Care . Il nostro team di esperti di benessere e salute mentale può guidarti attraverso i metodi migliori per il tuo benessere. Esplora i nostri corsi autodidattici

Riferimenti:

[1] Ashinoff, BK, Abu-Akel, A. Hyperfocus: la frontiera dimenticata dell’attenzione. Ricerca psicologica 85, 1–19 (2021).https://doi.org/10.1007/s00426-019-01245-8 [2] Hupfeld, KE, Abagis, TR & Shah, P. Vivere “nella zona”: iperfocus nell’ADHD adulto. ADHD Atten Def Hyp Disord 11, 191–208 (2019). https://doi.org/10.1007/s12402-018-0272-y [3] Terri Landon Bacow, Jill Ehrenreich May, Leslie R Brody e Donna B Pincus (2010) Esistono processi metacognitivi specifici associati ai disturbi d’ansia nei giovani? , Psychology Research and Behavior Management, 3:, 81-90, DOI: 10.2147/PRBM.S11785 [4] R. Nicholson, “Hyperfocus nell’autismo: un’esplorazione ispirata ai principi della neurodiversità”, tesi di laurea, Università dell’Immacolata, 2022. [In linea]. Disponibile: https://library.immaculata.edu/Dissertation/Psych/Psyd458NicholsonR2022.pdf [5] Erguvan Tugba Ozel-Kizil, Ahmet Kokurcan, Umut Mert Aksoy, Bilgen Bicer Kanat, Direnc Sakarya, Gulbahar Bastug, Burcin Colak, Umut Altunoz , Sevinc Kirici, Hatice Demirbas, Bedriye Oncu, “Iperfocusing come dimensione del disturbo da deficit di attenzione e iperattività dell’adulto”, Research in Developmental Disabilities, volume 59, 2016,https://doi.org/10.1016/j.ridd.2016.09.016

Unlock Exclusive Benefits with Subscription

  • Check icon
    Premium Resources
  • Check icon
    Thriving Community
  • Check icon
    Unlimited Access
  • Check icon
    Personalised Support
Avatar photo

Author : United We Care

Torna in alto

United We Care Business Support

Thank you for your interest in connecting with United We Care, your partner in promoting mental health and well-being in the workplace.

“Corporations has seen a 20% increase in employee well-being and productivity since partnering with United We Care”

Your privacy is our priority