Schizoide vs. Disturbo schizotipico della personalità: 3 differenze importanti che devi sapere

Marzo 14, 2024

6 min read

Avatar photo
Author : United We Care
Clinically approved by : Dr.Vasudha
Schizoide vs. Disturbo schizotipico della personalità: 3 differenze importanti che devi sapere

introduzione

Schizoide e schizotipico sono due tipi di disturbi della personalità che devono essere differenziati. È molto importante distinguere tra questi due a causa delle loro caratteristiche e dei sintomi distinti al momento della diagnosi. Capire cosa sono questi disturbi, i loro sintomi e come trattarli è essenziale, quindi andiamo avanti.

Cos’è la personalità schizoide e schizotipica

Vediamo ora la differenza tra i disturbi di personalità schizoide e schizotipica . Innanzitutto, capiamo cos’è il disturbo schizoide di personalità. Il Disturbo Schizoide di Personalità può essere definito come un’avversione per le relazioni e una preferenza per la solitudine. Un individuo con una personalità schizoide avrà una gamma limitata di emozioni. Inoltre, le persone che soffrono di disturbo schizoide della personalità spesso hanno difficoltà a formare o mantenere connessioni. Va notato che ciò accade a causa dei loro vincoli emotivi e del desiderio di solitudine. Allo stesso modo, il disturbo schizotipico della personalità implica qualcosa di più del semplice distacco. Include anche modi di pensare insoliti che di solito vanno ben oltre la distanza emotiva. In secondo luogo, gli individui con personalità schizotipica di solito sperimentano alti livelli di ansia, comportamenti strani e convinzioni strane. A volte soffrono anche di brevi episodi di psicosi, che complicano ancora di più la loro situazione. Tutti questi problemi combinati rendono difficile per gli individui schizotipici avere interazioni sociali e mantenere relazioni.

Sintomi della personalità schizoide e schizotipica

È importante che per diagnosticare si comprendano anche i sintomi. Parliamo dei sintomi soprattutto di questi due disturbi della personalità.

  • A partire dal disturbo schizoide della personalità, in cui un individuo affronta un distacco persistente e una mancanza di interesse per le esperienze sociali o sessuali.
  • Generalmente si nota una preferenza per la solitudine o per trascorrere del tempo da soli. Anche alcuni altri tratti del disturbo schizoide di personalità possono essere limitazioni emotive.
  • Non solo questo, ma anche l’indifferenza verso le opinioni degli altri o anche verso le loro emozioni spesso impedisce loro di socializzare.

Venendo al disturbo schizotipico di personalità, gli individui con questo disturbo presentano una serie di sintomi.

  • A causa del comportamento strano incluso in questo, viene conteggiato nelle condizioni del cluster A come disturbo della personalità.
  • Questi sintomi vanno dal distacco con convinzioni distorte, paranoia e pensieri eccentrici a comportamenti strani e livelli elevati di ansia.
  • Le persone con disturbo schizotipico sperimentano anche brevi episodi di psicosi e anomalie sensoriali.

Differenza tra disturbo di personalità schizoide e schizotipico

Differenza tra disturbo di personalità schizotipico e schizoide Qui, parliamo di quali sono le loro differenze e come distinguerli quando confrontati. Ci sono alcune differenze importanti che un individuo può notare tra la personalità schizoide e quella schizotipica. Nel disturbo schizoide della personalità, gli individui tipicamente mostrano una mancanza di preoccupazione verso la loro condizione. Va notato che spesso si trovano a proprio agio con le loro condizioni. Mentre le persone con personalità schizotipica spesso cercano cure o soluzioni per i loro problemi. Cercano cure a causa del disagio causato dalle loro difficoltà relazionali. Nel frattempo, per quanto riguarda l’aspetto comportamentale, le persone che soffrono di disturbo schizoide della personalità spesso hanno una gamma limitata di emozioni. Inoltre, questi individui sono meno distinti esteriormente. D’altra parte, le persone con disturbo schizotipico di personalità di solito mostrano modelli comportamentali eccentrici e strani. Questo li fa risaltare molto nei contesti sociali. Inoltre, alcuni comportamenti potrebbero prima sembrare solo un sintomo, ma possono portare ad un impatto su aree importanti della generazione di funzioni.

Come affrontare il disturbo schizoide e schizotipico della personalità

Infine, capiamo come si possono trattare ed eventualmente curare lo Schizoide e lo Schizotipico. Inizialmente, il trattamento per la personalità schizoide spesso prevede la terapia della parola che può mettere alla prova le convinzioni sulle relazioni. Inoltre, i farmaci vengono utilizzati per affrontare l’ansia o la depressione che possono essere associate al disturbo. Mentre, per il disturbo schizotipico della personalità, la terapia cognitivo comportamentale può essere utilizzata per migliorare la comunicazione e sfidare i pensieri distorti. Oltre alla terapia, si suggerisce anche l’uso di antipsicotici e farmaci antidepressivi per alleviare i sintomi. Nel complesso, per trattare il disturbo schizotipico della personalità, i sintomi devono essere gestiti e le funzioni dovrebbero essere inizialmente migliorate. Ciò può essere ottenuto attraverso moduli come la psicoterapia, la formazione sulle abilità sociali e i farmaci . Insieme a questo può essere inclusa anche la terapia familiare. Ciò può aiutare a creare fiducia e anche a migliorare la vicinanza emotiva. Inoltre, considerando che a questi disturbi spesso si accompagnano anche problemi di abuso di sostanze. È davvero importante tenersi sotto controllo e adottare un approccio olistico al trattamento. In caso di questi disturbi della personalità, United We Care può effettivamente venire a salvarti dalla mente e trattarti bene.

Conclusione

Per riassumere, comprendere la differenza tra disturbo di personalità schizoide e schizotipico è davvero importante. Va notato che alla fine aiuta a ottenere il trattamento giusto. Anche se questi disturbi sembrano simili, presentano caratteristiche diverse. Inoltre, la varietà dei sintomi influisce sul modo in cui un individuo ha interazioni sociali su base quotidiana. È importante sottolineare che comprendere la differenza tra questi disturbi aiuta anche a rimuovere le idee sbagliate e gli stigmi attorno a questi problemi. Inoltre, aiuta ad avere una visione più informata ed empatica della società. Oltre a questo, è fondamentale ottenere il trattamento giusto in base alle differenze e alle esigenze specifiche dell’individuo. Ciò può aiutare l’individuo a ottenere il trattamento giusto, i farmaci giusti e un recupero più rapido dal problema. Pertanto, promuove la comprensione di questi disturbi, l’accettazione nei loro confronti e un trattamento facilmente accessibile. Possiamo creare un ambiente ospitale per le persone che soffrono di questi problemi in cui si sentono sicuri e supportati.

Riferimenti

  1. American Psychiatric Association, *Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali*, 4a ed., Washington: American Psychiatric Association, 2000, revisione del testo.
  2. DM Anglin, PR Cohen e H. Chen, “Durata della separazione materna precoce e previsione dei sintomi schizotipici dalla prima adolescenza alla mezza età”, *Schizophrenia Research*, vol. 103, pagine 143–150, 2008.
  3. CJ Correll, CW Smith, AM Auther, et al., “Predittori di remissione, schizofrenia e disturbo bipolare negli adolescenti con disturbo psicotico breve o disturbo psicotico non altrimenti specificato considerati ad altissimo rischio di schizofrenia”, *Journal of Child and Adolescent Psychopharmacology *, vol. 18, pagine 475–490, 2008.
  4. TN Crawford, P. Cohen, MB First, et al., “Disturbi di comorbidità dell’asse I e dell’asse II nella prima adolescenza”, *Archives of General Psychiatry*, vol. 65, pagine 641–648, 2008.
  5. J. Derksen, *Disturbi di personalità: prospettive cliniche e sociali*, West Sussex: Wiley, 1995.
  6. M. Deurell, M. Weischer, AK Pagsberg e J. Labianca, “L’uso di farmaci antipsicotici nel trattamento psichiatrico di bambini e adolescenti in Danimarca”, *Nordic Journal of Psychiatry*, vol. 62, pagine 472–480, 2008
  7. D. Diforio, EF Walker e LP Kestler, “Funzioni esecutive negli adolescenti con disturbo schizotipico di personalità”, *Schizophrenia Research*, vol. 42, pp. 125–134, 2000. [PubMed]
  8. JM Digman, “Struttura della personalità: emergenza del modello a cinque fattori”, *Revisione annuale di psicologia*, vol. 41, pagine 417–440, 1990.

Unlock Exclusive Benefits with Subscription

  • Check icon
    Premium Resources
  • Check icon
    Thriving Community
  • Check icon
    Unlimited Access
  • Check icon
    Personalised Support
Avatar photo

Author : United We Care

Torna in alto

United We Care Business Support

Thank you for your interest in connecting with United We Care, your partner in promoting mental health and well-being in the workplace.

“Corporations has seen a 20% increase in employee well-being and productivity since partnering with United We Care”

Your privacy is our priority