Come affrontare la paura di perdere il controllo, il disturbo ossessivo compulsivo e i pensieri intrusivi

Dicembre 24, 2022

6 min read

introduzione

Lo stress psicologico provoca disturbi comportamentali come il DOC, che provoca pensieri e immagini indesiderati e incontrollabili, portando alla paura di perdere. Questi pensieri ossessivi, compulsivi e ripetitivi diventano invadenti e interferiscono in modo significativo con la vita quotidiana. Influiscono sulla capacità di funzionare normalmente. Il trattamento può aiutare l’individuo colpito nella gestione dei sintomi.

Qual è la paura di perdere il controllo?

La paura è un sentimento familiare associato a stress e ansia. La persona sente di non avere alcun controllo sulle sue azioni o pensieri e può mettere in pericolo gli altri o se stessa. Questi pensieri improvvisi di paura esulano dalle caratteristiche tipiche dell’individuo. Tendono ad agire in base a impulsi che non possono controllare. Le persone ansiose o che hanno paura di perdere possono sviluppare segni di compulsioni a controllare gli eventi ed essere sicure dei risultati.

Esempi: Â

  1. Dopo il parto, una donna può temere di perdere il controllo e buttare via il suo bambino.
  2. Una persona che teme di volare può scegliere di guidare attraverso il paese piuttosto che avvalersi di un breve volo. La paura può variare da un incidente aereo a dirottamenti aerei o la paura che possano subire un arresto cardiaco durante il volo. La gamma della paura è vasta.

Cosa sono OCD e pensieri invadenti?Â

Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è una condizione medica risultante da una combinazione di pensieri ossessivi e comportamenti compulsivi. Le idee che sono intense e invadenti tendono a ripresentarsi e diventano compulsive. Esempi di disturbo ossessivo compulsivo includono

  • Il pensiero improvviso di tornare in una stanza e controllare se hanno scollegato ripetutamente i caricatori dei cellulari;
  • Paura di ammalarsi a causa della contaminazione da germi. Lavarsi le mani almeno 20 volte al giorno;
  • I pensieri compulsivi eccessivi a volte ricontrollano, come chiamare ripetutamente per controllare la sicurezza dei propri cari.

I pensieri intrusivi sono quei pensieri indesiderati, spiacevoli e non invitati. Questi non sono sotto il proprio controllo e continuano ad apparire nella mente. Interferisce con la capacità di svolgere le normali attività quotidiane. Questi pensieri a volte possono diventare ossessivi e l’individuo agisce in modo compulsivo. Ad esempio, il pensiero di uccidere qualcuno può portare a nascondere i coltelli nell’armadio e a chiuderli a chiave.

Come si sviluppa la paura di perdere il controllo, il disturbo ossessivo compulsivo e i pensieri intrusivi?

  • La paura di perdere il controllo è un sintomo o pensiero di perdere il controllo di se stessi e si fa sentire nella propria mente. Questi pensieri possono diventare ripetitivi e ossessivi. Tali pensieri ossessivi causano il DOC. I pensieri intrusivi possono verificarsi per qualsiasi motivo, inclusi aumento dello stress, traumi, depressione o ansia. Ad esempio, in una donna dopo la nascita di un bambino.
  • Le paure e i pensieri ossessivi sfociano in comportamenti compulsivi, che portano al disturbo ossessivo-compulsivo. Ad esempio, una persona può controllare la stufa 20 volte per assicurarsi che sia veramente spenta poiché ha paura di bruciare la sua casa.
  • I pensieri vengono a tutti. Se questi pensieri diventano più frequenti e difficili da ignorare, può svilupparsi una condizione medica. L’ansia inconscia sottostante può causare pensieri intrusivi in cui una persona immagina di fare del male a una persona cara o di fare qualcosa su cui non ha il controllo.

Paura di perdere il controllo , disturbo ossessivo compulsivo e pensieri invadenti a causa di problemi infantili

Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è un disturbo cerebrale comune nei bambini. E la ricerca ha dimostrato che il DOC è anche una malattia ereditaria. La caratteristica principale del disturbo ossessivo compulsivo sono i pensieri ossessivi, che portano a un’ansia estrema. Per alleviare questa ansia, il bambino si impegna in comportamenti compulsivi come regolare la sedia da studio a un’angolazione particolare o lasciare la porta sempre leggermente aperta. I pensieri sono ripetitivi. Ad esempio, “accadrà qualcosa di brutto, sarà colpa mia e dovrei fare tutto ciò che è in mio potere per evitare che accada “. Abusi fisici e sessuali, interruzione della famiglia e abbandono possono esacerbare i sintomi del DOC. Quando sono esposti a situazioni stressanti, hanno maggiori probabilità di sviluppare ossessioni. I bambini che hanno a che fare con pensieri ricorrenti, persistenti e invadenti possono avere difficoltà a respingerli. In questi casi, un bambino soffre di un problema di salute mentale che richiede un trattamento. OCD e PTSD possono essere le cause principali di tali problemi.

Paura di perdere il controllo , disturbo ossessivo compulsivo e pensieri intrusivi a causa del trauma

Nella maggior parte dei casi, gli incidenti traumatici causano disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e DOC. Lo stress psicologico provoca pensieri invadenti. Il disturbo da stress post-traumatico è un disturbo mentale che si verifica dopo un evento traumatico. Quando qualcuno ha un disturbo da stress post-traumatico, può sperimentare pensieri invadenti sulla possibilità che lo abbia causato. Il DOC può insorgere anche indipendentemente dal disturbo da stress post-traumatico. I sintomi variano a seconda della situazione, incluso il coinvolgimento in un incidente o un disastro naturale, lo stupro, la morte improvvisa di una persona cara o il passaggio attraverso un evento importante della vita come il divorzio . Clinicamente, può manifestarsi come depressione, rabbia o comportamenti beta aggressivi il cervello è cablato e ricorda ripetutamente un incidente traumatico. Questi promemoria, noti anche come flashback, possono assumere la forma di suoni o immagini e possono presentare gli stessi sintomi fisici verificatisi al momento del trauma reale. L’individuo può isolare o prendere precauzioni di sicurezza per evitare che le conseguenze accadano da pensieri invadenti.

Come affrontare la paura di perdere il controllo, il disturbo ossessivo compulsivo e i pensieri invadenti?

Un individuo non ha alcun controllo sui propri pensieri.

  1. La risposta sintetica è affrontarlo. Basta ignorare.Â
  2. Smetti di dare loro un significato; smettila di tentare di allontanarli.
  3. Consenti loro di esistere nella testa senza prestare loro attenzione.
  4. Riqualificare il cervello agendo in modo diverso in risposta a quei pensieri.
  5. Osserva i pensieri senza coinvolgerli, proprio come il traffico che passa sulla strada o i ramoscelli e le cose che galleggiano lungo un fiume.
  6. Prendi nota di loro e consenti semplicemente che siano lì prima di lasciarli passare.

Gli interventi terapeutici noti per essere adeguati per aiutare le persone a gestire questi sintomi includono

  1. Terapia cognitivo-comportamentale o CBT: i pensieri cambiano il seguente comportamento.
  2. Terapia dell’accettazione e dell’impegno
  3. Prevenzione dell’esposizione e della risposta o ERP: ritardare o resistere alla compulsione rituale e far fronte all’ansia. Nel tempo, la pressione diventa meno dirompente.
  4. Farmaci – SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina)

Conclusione

Non esiste un modo semplice per affrontare questo problema. Fa parte della condizione umana, quindi la via d’uscita migliore è imparare a conviverci invece di cercare di eliminarla, il che può trasformarsi in molti problemi più significativi. Una persona che soffre di paura di perdere il controllo e disturbo ossessivo compulsivo dovrebbe consultare un medico. I medici possono offrire una diagnosi e consigli terapeutici per aiutarli a rimettersi in carreggiata. Contattaci oggi! “

Make your child listen to you.

Online Group Session
Limited Seats Available!