Pensieri intrusivi: cosa sono e come fermarli

Dicembre 24, 2022

5 min read

” I pensieri intrusivi sono pensieri negativi e inquietanti che vengono alla mente di una persona all’improvviso. Sebbene per lo più innocui, possono creare un’esperienza negativa. Possono influenzare il comportamento sociale di una persona e causare pensieri inappropriati e alti livelli di angoscia.

Cosa sono i pensieri invadenti?

La mente è la parte del corpo che possiede capacità di pensiero e ha tutti i principali poteri di controllo. I pensieri sono un processo cognitivo cosciente che si verifica indipendentemente dalla stimolazione sensoriale. Pertanto, il pensiero può sorgere dal nulla. I pensieri intrusivi sono pensieri indesiderati e involontari che spuntano dal nulla e causano un notevole disagio. I pensieri intrusivi catturano la mente e persistono. Possono essere angoscianti e, per alcuni, violenti e sconvolgenti. È comune tra le persone che mostrano sintomi/segni di depressione e ansia. Inoltre, lo stile di vita altamente stressante di oggi può essere un fattore scatenante esterno. I pensieri possono diventare spaventosi e possono portare ad aggressività e violenza, prevalenti nelle persone con disturbo ossessivo-compulsivo (DOC), disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) e depressione.Â

Qual è la scienza dietro i pensieri invadenti?

Pensieri indisciplinati e invadenti possono intromettersi in vari schemi, ad esempio immagini, forti impulsi, idee e opinioni.Â

  • La diminuzione del flusso di neurotrasmettitori può essere una delle ragioni per i pensieri intrusivi. La serotonina è un neurotrasmettitore responsabile dei cambiamenti dell’umore, dell’ansia e della depressione. Quando i siti dirompenti nel cervello non ricevono abbastanza serotonina, può spesso diventare una causa di pensieri intrusivi, che è evidente nei casi di DOC e PTSD, dove c’è insufficienza di serotonina.
  • Lo stress e l’ansia possono scatenare pensieri invadenti.Â
  • Gli squilibri ormonali possono causarli anche durante i periodi di isolamento. Chiunque può avere un pensiero invadente in qualsiasi momento specifico.Â
  • I problemi di salute mentale o i traumi alla base sono un altro motivo per i pensieri invadenti.
  • Anche le lesioni cerebrali traumatiche o il morbo di Parkinson possono portare a tali pensieri.Â
  • Anche il peggioramento della salute mentale, il pensiero eccessivo e le situazioni stressanti possono causare pensieri intrusivi.Â

Sebbene ci siano poche ragioni stabilite per la causa dei pensieri intrusivi, sono necessarie ulteriori ricerche per le persone che li sperimentano senza alcuna causa sottostante. Pertanto, è essenziale comprendere i determinanti della loro causa.

Pensieri invadenti e disturbo d’ansia

I pensieri intrusivi sono tra i sintomi significativi dei disturbi d’ansia. Le persone sperimentano cicli ripetitivi di ansia intensificata. Ogni idea che condividono appare accurata, causando un duro colpo alla loro qualità di vita poiché non possono concentrarsi su nient’altro che sui loro pensieri invadenti. I pensieri intrusivi sono principalmente collegati al disturbo d’ansia, indipendentemente da quanto siano irrilevanti le idee. Alcuni sono legati anche a disturbi di panico. In questo caso, le persone temono di avere un grave attacco di panico. Avranno anche periodi di affanno e vertigini. Una delle principali paure tra le persone che hanno a che fare con un disturbo d’ansia generalizzato (GAD) è la loro mancanza di fiducia nel liberarsi dei pensieri invadenti.

Come affrontare la causa principale dei tuoi pensieri invadenti

I pensieri intrusivi possono essere affrontati e gestiti comprendendo la causa principale. Bisogna ridurre la sensibilità di questi pensieri per fare questo. Ci sono vari modi per affrontare questi pensieri invadenti. Questi includono:

1. Terapia cognitivo comportamentale (CBT)

La terapia è un ottimo modo per affrontare i pensieri invadenti. Una persona capirà perché sente che ciò che sente è corretto. Capiranno oggettivamente la situazione e lavoreranno sul problema con un terapeuta. La terapia cognitivo comportamentale è molto efficace nella modellazione del comportamento. Si impara a gestire meglio i pensieri ed essere spettatori quando arrivano le idee. Si impareranno anche strategie di coping sane che li aiuteranno a sentirsi meglio.Â

1. Meditazione

La meditazione è un altro modo efficace per affrontare i pensieri intrusivi. Ci calma, li centra e permette loro di lasciar andare i pensieri. Aumenta anche la concentrazione e li aiuta a gestire meglio i loro stati d’animo.Â

Come fermare i pensieri invadenti

I pensieri intrusivi sono indesiderati e le persone che li sperimentano sono generalmente preoccupate. Quindi continuano a cercare modi per fermarli. A causa delle immagini angoscianti, la visione e l’atteggiamento verso quei pensieri pesanti e invadenti sono essenziali. I pensieri intrusivi possono includere relazioni, preoccupazioni, decessi, sicurezza o capacità decisionali. Qualunque sia la forma, è necessario prendersene cura, riconoscerli e gestirli. Cinque modi per fermare i pensieri invadenti:

  1. Mai impegnarsi seriamente con le idee.Â
  2. Inizia a etichettarli come “”intrusivi”” e accettali. Lasciali venire, osservali e lasciali andare.Â
  3. Cerca di osservare i pensieri e capirli piuttosto che respingerli. Per favore, non scappare da loro, ma piuttosto affrontali. Evitarli causerà difficoltà in seguito.
  4. Ricorda a te stesso che niente dipende da te e che tutto sta accadendo in modo naturale. Non incolpare te stesso in nessuna situazione per quello che sta succedendo. Lascia che accada e lascialo andare. Sii uno spettatore.Â
  5. Consenti a te stesso di accettare il fatto che gli episodi torneranno di nuovo. Ma affrontarli con forza e coraggio è un modo per combatterli. Cerca l’aiuto di un professionista e fatti strada nell’intero processo. La terapia cognitivo-comportamentale (CBT) è una di queste terapie che si è dimostrata utile nel caso di pensieri intrusivi.

Conclusione

I pensieri intrusivi persistenti innescano, oscurano la chiarezza e aumentano i livelli di ansia. Possono anche essere debilitanti, al punto che alcuni casi/istanze richiedono attenzione e gestione medica. Possono essere sotto forma di illusioni, suoni e immagini. Spesso diventa difficile gestirli e vivere costantemente con loro. Per riconoscere i pensieri intrusivi, è necessario riconoscerli e affrontarli consapevolmente pur essendo consapevoli e consapevoli di sé. Per ottenere aiuto e maggiore chiarezza sui pensieri intrusivi, contattare UnitedWeCare oggi. “

Make your child listen to you.

Online Group Session
Limited Seats Available!