Una guida completa per superare l’autofobia o la paura di essere soli

Dicembre 14, 2022

5 min read

Introduzione

L’autofobia , nota anche come monofobia, è la paura di essere isolati. Sebbene sia comune che le persone a volte si sentano sole, per le persone autofobiche questa paura può essere così estrema da interferire con la capacità di funzionare normalmente. Non ci sono trattamenti possibili per questa fobia.

Che cos’è la paura di essere soli/Autofobia?Â

L’autofobia – o la paura di essere soli – è una paura irrazionale di trascorrere del tempo da soli. Questa fobia è classificata come fobia specifica e fa parte di un gruppo di fobie conosciute come agorafobia. Le persone autofobiche sono soggette ad attacchi di panico se lasciate sole. Non è necessario essere isolati fisicamente. Gli individui con autofobia possono sentirsi soli anche in aree affollate o gruppi di persone. Poiché le persone gravemente affette da autofobia trovano quasi impossibile completare compiti e attività specifici, molti soffrono di depressione che accompagna questa condizione. Immaginano lo scenario peggiore nelle loro teste. Potrebbero, ad esempio, subire un attacco di panico e credere che moriranno di conseguenza. Di solito, l’autofobia inizia nella tua infanzia o adolescenza, continuando fino all’età adulta.Â

Cause di autofobia

  1. I bambini possono sviluppare questa fobia a causa dell’abbandono dei genitori, che li colpisce man mano che crescono e si trasforma in autofobia.Â
  2. Questa fobia può svilupparsi più tardi nella vita, come la morte di un parente stretto.
  3. Questa fobia è più comunemente associata ad altri disturbi d’ansia.
  4. La storia di abusi fisici e sessuali da soli, che causano traumi estremi, può portare a fobie.
  5. Fattori genetici e ambientali come una storia familiare di fobie, disturbi d’ansia o brutte esperienze all’interno della famiglia possono innescare l’autofobia.
  6. Può funzionare in famiglia.
  7. Esperienze negative o traumatiche o un attacco di panico da solo.
  8. Il meccanismo iperprotettivo di un genitore può causare autofobia.
  9. Ascoltare ripetutamente le esperienze negative di un familiare o di un amico può indurre paura.

Quali sono i sintomi dell’autofobia?

  1. Potresti avere un’ansia intensa quando sei da solo o pensare di essere solo in determinate situazioni.Â
  2. Eviti di essere solo apposta.
  3. Temi cosa potrebbe succedere mentre sei solo.
  4. Ti preoccupi molto di stare da solo e pensi di poterti ferire gravemente o morire.
  5. Hai sintomi come svenimento, incapacità di concentrarti su qualsiasi cosa, incapacità di pensare chiaramente.
  6. Spesso hai sintomi emotivi come stress, pensieri di essere solo e paura di essere isolato.
  7. I cambiamenti fisiologici includono aumento della frequenza cardiaca, pressione sanguigna e sudorazione. La gravità della fobia aumenta questi sintomi.
  8. I sintomi fisici includono vampate di freddo e di calore, intorpidimento, stordimento, tremori, mancanza di respiro, secchezza delle fauci, nausea, vertigini e mal di testa.
  9. I cambiamenti nelle abitudini alimentari e del sonno derivano da una paura irrazionale di essere soli.
  10. Quando sei solo o pensi a una situazione in cui sarai presto solo, provi un terrore estremo.

Come superare l’autofobia

  1. Identifica la causa della tua paura di essere solo. Non permettere alla paura di controllarti o di controllare la tua vita. Quando sai di cosa hai paura, puoi diminuirlo.
  2. Non lasciare che la tua paura interferisca con i tuoi pensieri e sentimenti. La paura non ti definisce.Â
  3. Lavora a casa da solo, visualizzando costantemente la tua paura quando sei solo. Considerati al sicuro e felice quando sei solo. La visualizzazione ti aiuta a sentirti più sicuro di te stesso quando affronti la paura di essere solo nella vita reale.
  4. Accettazione: impara ad accettare la paura di essere solo. Ripeti più volte ad alta voce oa te stesso: “Accetto la paura della solitudine che provo†. Fai uno sforzo consapevole per considerare le situazioni e ricorda a te stesso che non devi aver paura di stare da solo perché è incredibilmente sicuro. Questo messaggio rassicurante può aiutarti a superare la tua paura.
  5. Esposizione graduale alla situazione che causa la tua paura: affronta le tue paure aumentando gradualmente la tua esposizione allo stare da solo. Questo metodo di esposizione graduale richiede tempo, ma alla fine allenerai la mente e il corpo a operare in modo automatico e naturale. Più fai, più vieni presentato per superare la tua paura.

Inizia in piccolo e aumenta gradualmente i tuoi periodi di indipendenza. Fai una passeggiata di 15 minuti nel parco con il tuo amico. Chiedi al tuo amico di lasciarti da solo per 10 minuti alla volta mentre cammini. Dopo alcuni giorni, scoprirai che puoi aumentare il periodo e quindi aumentare la tua fiducia, fiducia in te stesso e indipendenza.

  1. Supera la tua paura di rimanere da solo distraendoti e ascoltando musica quando corri da solo o accendi la televisione quando sei da solo a casa. Usare il rumore per interrompere il silenzio di situazioni isolate può essere di grande aiuto.
  2. Fai piccoli passi finché non ti senti a tuo agio. Lavora per migliorare un aspetto della tua vita alla volta.

Quali sono i trattamenti dell’autofobia

Poiché l’autofobia colpisce ogni persona in modo diverso, nessun trattamento specifico è adatto a tutti. Nella maggior parte dei casi, il trattamento è la psicoterapia. Alcune altre forme di terapia che potrebbero aiutare a combattere l’autofobia includono:

  1. Terapia dell’esposizione: il terapeuta ti esporrà continuamente alla fonte della tua fobia. In primo luogo, il terapeuta lo fa in un ambiente controllato in cui ti senti al sicuro e alla fine ti trasferisci in una situazione di vita reale.
  2. Terapia cognitivo-comportamentale: la CBT utilizza tecniche che ti aiutano a imparare come affrontare e affrontare l’essere soli in modo costruttivo. Il terapeuta lavorerà con te per esaminare il tuo schema di pensiero attorno alla tua fobia.Â
  3. Farmaci: Si possono usare questi – solo quando prescritti – per stabilizzare i sintomi. Si dovrebbero usare farmaci insieme alla terapia. Sebbene i farmaci non possano aiutare a curare le fobie, possono aiutare con sintomi come panico e ansia.

Conclusione

Avere paura non implica che sei in pericolo. È solo il tentativo del tuo corpo di proteggerti rendendoti pauroso. Puoi superarlo con uno sforzo costante e affrontando la causa sottostante. L’aiuto è dietro l’angolo! Per l’assistenza sanitaria mentale professionale, puoi cercare supporto da piattaforme online, come United We Care . “

Make your child listen to you.

Online Group Session
Limited Seats Available!