Milioni di persone hanno l’emofobia: cosa dovresti sapere

Dicembre 14, 2022

6 min read

introduzione

La paura può essere correlata a una situazione specifica o associata ad altre condizioni mediche. Il solo pensiero di essere vicino al sangue o di guardarlo può rendere un individuo estremamente stressato. Tale comportamento può essere un effetto di una precedente esperienza traumatica che coinvolge il sangue. Con poco sforzo e assistenza, puoi sbarazzarti di questa fobia e continuare la tua vita quotidiana.

Cos’è l’emofobia?

L’emofobia è una paura eccessiva e irrazionale del sangue. È un tipo specifico di fobia. Nei casi più gravi di questa fobia, un individuo può sperimentare reazioni fisiche nel proprio corpo e collassare o svenire. In generale, le persone che soffrono di emofobia si sentono a disagio anche al pensiero di essere vicino al sangue. La sua vista può renderli estremamente stressati. Gli individui che hanno questa fobia si sentono male all’idea di dover sottoporsi a qualsiasi procedura medica che coinvolga il sangue. L’emofobia è distinta dalla naturale paura del sangue della maggior parte delle persone. È una grave avversione al sangue o trovarsi in qualsiasi situazione in cui il sangue può essere presente.Â

Quali sono i sintomi dell’emofobia?

Quando qualcuno vede il sangue nella realtà o virtualmente, come nei film, può innescare i sintomi dell’emofobia. Semplici procedure mediche come esami del sangue scatenano ansia e paura nelle persone che vivono con questa fobia.Â

  1. Gli individui che soffrono di questa condizione evitano le situazioni del sangue, come la boxe, la visione di film horror o d’azione, l’esecuzione di esami del sangue o la visita agli ospedali.
  2. Possono diventare ansiosi se si tratta di sangue.Â
  3. Si preoccupano di pensare alle attività che possono avere a che fare con il sangue.Â
  4. I sintomi fisiologici variano in gravità. Includono difficoltà respiratorie, aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna, dolore al petto o senso di costrizione e sudorazione.
  5. Anche respiro corto, secchezza delle fauci e mal di testa possono accompagnare questi sintomi.
  6. Le persone emofobe vogliono istintivamente sfuggire alla vista del sangue.Â
  7. Potrebbero anche svenire se non riescono a sfuggire alla scena.

Quali sono le cause dell’emofobia?

  1. Un bambino può subire una ferita dolorosa o un evento traumatico nei primi giorni, a causa del quale diventa ansioso alla vista del sangue.
  2. Gli adulti possono sviluppare l’emofobia più avanti nella vita a causa di un’esperienza traumatica che comporta una significativa perdita di sangue.
  3. L’emofobia può essere correlata all’avere un’amigdala disfunzionale, una piccola sezione del cervello responsabile dell’elaborazione della paura. La genetica influenza l’amigdala e il modo in cui il cervello elabora la paura.
  4. Un bambino può assistere a un membro della famiglia che mostra una reazione estrema al sangue e adotta inconsapevolmente tale risposta.Â
  5. Un individuo emofobico può anche avere una storia familiare di questa fobia.
  6. La rappresentazione grafica interna del sangue può indurre paura in una persona.
  7. Anche la paura di essere infettati da malattie legate al sangue come l’AIDS, l’epatite, ecc. può sviluppare questa condizione.
  8. A volte, questa paura potrebbe non avere alcuna causa sottostante.

Qual è il trattamento dell’emofobia?

  1. Terapia cognitivo-comportamentale: il terapeuta espone gradualmente il malato a situazioni che causano l’attacco fobico. Aiuta a cambiare la loro prospettiva sulla fobia, a far fronte alle risposte corporee e ad affrontare l’impatto emotivo. Il terapeuta lavora con l’individuo per sfidare e riformulare i pensieri negativi del malato.
  2. Terapia dell’esposizione: il terapeuta espone la persona emofobica a situazioni che innescano un attacco fobico. Può comportare la visualizzazione di esercizi o l’esposizione dell’individuo al sangue in un ambiente guidato e sicuro. Il terapeuta aiuta l’individuo a esporre gradualmente la propria mente alla realtà e alla fine a vedere il sangue senza risentirne.
  3. La terapia di tensione applicata comporta l’allenamento della persona colpita a tendere le gambe, le braccia e l’addome per esercitare una pressione sui muscoli quando è esposta alla paura. Può aiutare a prevenire lo svenimento.
  4. Terapia di rilassamento: la persona interessata può utilizzare tecniche di rilassamento come esercizi di respirazione, meditazione, esercizi di visualizzazione e yoga. Queste tecniche possono aiutare le persone a gestire lo stress e i sintomi associati alla loro fobia.

Quante persone hanno l’emofobia?

Le fobie sono uno dei disturbi mentali più comuni negli Stati Uniti, secondo il National Institute of Mental Health (NIMH). Circa il 10% delle persone negli Stati Uniti ha fobie specifiche. Un’analisi condotta nel 2014 ha stimato che l’emofobia ha una prevalenza del 3-4% nella popolazione generale, il che significa che è relativamente standard .

Tipi di emofobia

L’emofobia è un termine ampio frequentemente associato ad altre paure che includono il sangue.Â

  1. Fobia dell’ago medico (tripanofobia)
  2. Fobia ospedaliera (nosocomefobia)
  3. Fobia del dottore (Nosocomefobia)
  4. Fobia del dentista (dentofobia)

La vista del sangue di qualcun altro può scatenare la miofobia. C’è una paura dei germi in coloro che hanno molta paura di contrarre una malattia. A volte, la paura del sangue stimola la paura del dolore (algofobia) e della morte (tanatofobia).

Test per l’emofobia

Fissa un appuntamento con il tuo medico se stai riscontrando segni e sintomi di emofobia o se la tua paura del sangue interferisce con la tua capacità di vivere un’intera vita. Un test di screening da parte di un medico o di uno specialista può confermare questa condizione. Parla semplicemente al tuo medico dei tuoi sintomi e da quanto tempo ne soffri. Non dovresti essere preoccupato per la diagnosi in quanto non richiede l’uso di aghi o apparecchiature mediche. Solo la tua storia medica, psichiatrica o sociale può essere richiesta dal tuo medico per fare una diagnosi accurata.

Come trattare i pazienti con emofobia?Â

Di seguito sono elencate alcune tecniche per pacificare gli individui emofobici durante un attacco fobico:

  1. Tecnica di distrazione : aiutare l’individuo a concentrarsi su qualcos’altro o coinvolgerlo in un’attività per distogliere l’attenzione da un pensiero o da una situazione che coinvolge il sangue.Â
  1. Parla con il paziente per acquisire la sua fiducia.Â
  2. Chiedi loro di leggere un libro.
  3. Chiedi loro di giocare online.
  4. Far ascoltare la musica al paziente. Li aiuterà a rilassarsi e ad alleviare la loro mente.
  5. Far parlare un amico o un familiare con il paziente.
  1. Tecnica di visualizzazione : visualizzare una situazione che evoca una sensazione di calma può essere utile per chi soffre di emofobia.
  1. Chiedere al paziente di visualizzare nella mente una scena pacifica e immaginare di farne parte.Â
  2. Chiedi al paziente di pensare a un luogo felice e privo di stress, come un parco o una spiaggia.
  1. La tecnica di rilassamento aiuta a calmare la mente e il corpo nei livelli di ansia elevati. Chiedere al paziente di chiudere gli occhi, fare un respiro profondo ed espirare lentamente.
  2. Il paziente può anche sfidare i propri pensieri negativi ricordando loro che un esame del sangue è una procedura standard e che molte altre persone la effettuano regolarmente e non affrontano problemi.

Conclusione

Nel complesso, l’emofobia è una paura relativamente facile da curare ed eliminare. Se necessario, puoi chiedere aiuto a United We Care. È una piattaforma online per il benessere e la terapia della salute mentale che offre consulenza professionale sulla lotta alle sfide emotive e mentali. “

Overcoming fear of failure through Art Therapy​

Ever felt scared of giving a presentation because you feared you might not be able to impress the audience?